Formula 1: primi 4 giorni di prove ultimate, vetture ok, missione compiuta

Motori

Formula 1: primi 4 giorni di prove ultimate, vetture ok, missione compiuta

Formula 1: primi 4 giorni di prove ultimate, vetture ok, missione compiuta
Formula 1: primi 4 giorni di prove ultimate, vetture ok, missione compiuta

Miglior tempo per Raikkonen, nell’ultimo giorno della prima tranche di test invernali di Formula 1 a Barcellona. Seguono Verstappen e Palmer.

Il miglior tempo è andato a Kimi Raikkonen. In questa ultima giornata della prima tranche di test invernali a Barcellona, in vista della stagione 2017, il finlandese ha preceduto la Red Bull di Max Verstappen, staccato di nove decimi, e Joylon Palmer, della Renault. 1’20″872 è il crono conquistato da Raikkonen con pneumatici soft. Anche la Ferrari ha detto la sua, a Montmelò, raggiungendo vette di prestazioni che sottolineano la buona competitività della SF70H, la nuova vettura della scuderia di Maranello. Ovviamente è ancora presto per tirare le somme. Ciò nonostante, la Rossa è tra le sorprese più entusiasmanti di questi primi test.

La giornata di lavoro al Circuit de Catalunya ha visto, nella mattinata, i team impegnati a saggiare gli pneumatici da bagnato Pirelli. A tale scopo, la pista è stata irrigata artificialmente prima dell’inizio della sessione.

I piloti che sono scesi in pista hanno realizzato tempi intorno all’1’40. Ma è stato l’olandese Verstappen a ottenere il miglior tempo con 1’29″867. Una volta asciugatosi l’asfalto, si è incominciato a girare utilizzare pneumatici da asciutto.

Quarto tempo per Romain Grosjean, della Haas Racing. Seguono Antonio Giovinazzi, con la Sauber C36, e il pilota della Force India, Sergio Perez. Ad ottenere il settimo crono, è stato Stoffel Vandoorne della McLaren. Ottava posizione per l’alfiere della Mercedes, Valtteri Bottas. Segue Nico Hulkenberg, della Renault. Lewis Hamilton sarebbe dovuto scendere in pista, ma non ha partecipato alla sessione di questa giornata a causa di un inconveniente elettrico alla sua W08.

La grande assente è stata, quindi, la Williams. La scocca della FW40 si è compromessa ieri nell’incidente di Stroll. I danni sono risultati eccessivamente gravi per consentire a Felipe Massa di girare. La scuderia, quindi, non ha avuto la possibilità di raccogliere dati sul comportamento degli pneumatici da bagnato Pirelli.

Non è andata meglio neanche alla Toro Rosso. La scuderia di Faenza, infatti, è stata costretta alla sostituzione della power unit sulla STR12.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche