Forza d’urto in azione, Sicilia verso la paralisi. E la protesta si allarga

News

Forza d’urto in azione, Sicilia verso la paralisi. E la protesta si allarga

Ascolta e scarica questo post

L’avevamo annunciato giorni fà, adesso la protesta entra nel vivo. Senza alcun sostegno politico e con la saldatura della protesta tra gli autotrasportatori, gli agricoltori ed i pescatori dell’isola, tutti uniti sotto la bandiera de “Il movimento dei Forconi” e di “Forza d’urto”, i manifestanti hanno paralizzato tutte le principali arterie autostradali, nella Sicilia orientale le pompe di benzina sono prese d’assalto e a breve i mercati ortofrutticoli saranno letteralmente vuoti. Nel giro di due giorni insomma la protesta potrebbe concretamente svuotare i negozi, non ancora i supermercati e gli ipermercati, sicuri delle scorte in magazzino. Ma la novità del giorno è la possibilità concreta che la protesta non si fermi come previsto il 20 gennaio, ma che possa andare ad oltranza “contagiando” le altre regioni. Arrivano notizie di censura, vera e reale, da parte di siti d’informazione come Tgcom24 che bannano chiunque parli di protesta in Sicilia, il Tg3 regionale ha dato notizia delle proteste ma al momento, uno dei maggiori canali di diffusione è dato dal gruppo Facebook dello Zoo di 105, uno dei programmi più seguiti in Italia che può contare sul sostegno di un milione e mezzo di persone. La protesta serpeggia e il contemporaneo annuncio delle proteste di medici, benzinai e taxisti potrebbe presto portare ad una situazione insopportabile di cui il governo sta già discutendo in queste ore durante la riunione tecnica a Palazzo Chigi.
Nel frattempo la disinformazione avanza e si moltiplicano le notizie di formazioni dell’ultra destra e del movimento di Maurizio Zamparini che avrebbero organizzato la protesta. Notizie smentite in quanto l’appoggio di Zamparini si limita ad una sorta di “approvazione ideologica” mentre gli unici veri gruppi politici attivi sono al momento quelli indipendentisti.


Ed il governatore Raffaele Lombardo osserva…
[youtube http://www.youtube.com/watch?v=Yu_LcNj0XLM&w=640&h=480]

6 Commenti su Forza d’urto in azione, Sicilia verso la paralisi. E la protesta si allarga

  1. LO ZOO DI 105 scrive:
    "Abbiamo passato la mattina a contattare le redazioni dei telegiornali di tutte le reti nazionali, rappresentando i Siciliani in protesta!!! Il tg5 ha promesso di parlarne nel notiziario delle 13:00!!! Speriamo o gli facciamo il c*** a tarallo:-)"

    •  il nord ci ha dimenticato , ma spero che ci faremo sentire di piu non andiamo lontani cosi, altro che i telegiornale se ne futtunu totali sti cani bastrdiiiiiiiiiii

  2. Repubblica, Rita Dalla Chiesa da Forum, a breve il Tg5…la notizia è ormai di carattere nazionale…altro aggiornamento: il governo Monti è a colloquio con i sindaci e la partecipazione quasi totale dei sindaci siciliani e la protesta hanno acceso l'attenzione della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Ora vediamo le soluzioni

  3. Forza Nuova, Zamparini dietro la protesta? Balle!
    Zamparini ha dato un appoggio formale, gli unici gruppi politici al momento in campo sono quelli indipendentisti e Raffaele Lombardo osserva…

  4. notizie di un accoltellamento a Licata, a Santa Flavia nessuno ha comunicato la protesta in corso sui binari e si è corso il rischio di una strage, manifestanti che hanno picchiato il macchinista…la protesta è in corso e si è già allargata alla Calabria

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Blue Whale
Cronaca

Blue Whale, ferite sulle braccia di 4 ragazzini

25 maggio 2017 di Ilaria Ferrario

Altre giovani vittime della Blue Whale in Italia, a Osimo. Quattro alunni della scuola media scoperti coinvolti nella sfida, grazie ad un controllo da parte dell’Istituto. Ciò è avvenuto in seguito al caso di una coetanea che presentava tagli sulle braccia previsti della Blue Whale Challenge.

Loading...
Francesco Quartararo 665 Articoli
Dottore in Giornalismo per uffici stampa, blogger dal 2005, a breve giornalista pubblicista, si interessa di tutto. Ma anche di più. Lo trovate sempre in giro per Palermo.