Fotocamere: Google Pixel vs. iPhone7, scontro al vertice COMMENTA  

Fotocamere: Google Pixel vs. iPhone7, scontro al vertice COMMENTA  

Google Pixel vs. iPhone7: scontro al vertice
Google Pixel vs. iPhone7: scontro al vertice

Due fotocamere su smartphone a confronto: abbiamo scattato delle immagini in condizioni di luce scarsa e fatto una valutazione. Voi che ne pensate?

Abbiamo già condiviso più di 100 immagini campione scattate con Google Pixel, ma vogliamo vedere, solo per un nostro gusto personale, se il nuovo dispositivo è così affidabile come risulta dai confronti effettuati da DxO Mark. con un punteggio di 89, i nuovi smartphone Pixel hanno  ottenuto il voto più alto di tutte le fotocamere su smartphone testate da DxO Mark, posizionandosi tre punti sopra iPhone7 e un punto sopra HTC 100, Samsung Galaxy S7 e S7 Edge.

Leggi anche: Harrison Ford falegname, prima di diventare famoso


Per verificare se la fotocamera di Pixel sia davvero meglio di quella dell’iPhone 7 abbiamo scattato una serie di foto all’evento che è stato organizzato per il lancio. In condizioni di luce tutt’altro che ottimali le immagini ci hanno dato un’idea del tipo di risultati offerti dai due prodotti.

Leggi anche: Ricercato manda un selfie da sostituire alla foto segnaletica, arrestato


Date un’occhiata alle foto che sono pubblicate per avere un’idea della risoluzione che si ottiene con Pixel e con iPhone 7. Abbiamo a disposizione solo un campione ridotto di foto con le quali effettuare una valutazione, quindi non siamo proprio sicuri di chi sia il vincitore, ma ci piacerebbe leggere i vostri commenti in merito alla fotocamera di Pixel.


pixel-versus-iphone-7-case pixel-versus-iphone-7-chairs  pixel-versus-iphone-7-window

pixel-versus-iphone-7-pokemon

Leggi anche

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenzevoleva finire il turno
Attualità

Bimbo nato disabile a Catania: le sentenze

Nasce un bambino disabile perché i medici non hanno voluto fare gli straordinari. La malsanità oggi è all'ordine del giorno in Italia.   Una mamma disperata e traumatizzata di Catania racconta. "Li imploravo di farmi il cesareo, ma loro mi ignoravano. Ora mio figlio è disabile e non so ancora un giorno potrà parlare e camminare, non so nemmeno se sente la mia voce". La donna doveva partorire e i medici le hanno negato il parto cesareo per evitare lo straordinario e poter così ritornare a casa. La donna oggi, a distanza di un anno e mezzo dalla nascita del suo bambino, chiede Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*