Francesco Polesello e sindrome di down: patente e università

francesco-polesello-e-sindrome-di-down-patente-e-universita
francesco-polesello-e-sindrome-di-down-patente-e-universita

La storia di Francesco Polesello è sicuramente un bell’esempio. Cerchiamo di conoscerlo meglio in questo articolo.

Francesco Polesello è un giovane ragazzo di 21 anni di Treviso, affetto da Sindrome di Down. La sindrome di Down di cui è affetto non gli ha vietato di raggiungere i suoi obiettivi. Il ragazzo è riuscito a prendere il diploma e anche la patente di guida. La sua determinazione lo ha portato lontano, permettendogli di conquistare molti traguardi e successi. 

Francesco Polesello vive in provincia di Pordenone, a Brugnera, e ha frequentato la scuola a Marca. La sua passione per la cucina gli ha permesso di studiare all’alberghiero e di ottenere la maturità con il voto di 82/100. Il diploma ottenuto non è un certificato relativo alla disabilità, ma un vero e proprio diploma che è riuscito a completare.

Leggi anche: La fighter costretta a cambiare categoria: colpa del suo seno “troppo grosso”


Ora il prossimo obiettivo è l’iscrizione all’università dove siamo certi se la caverà alla grande, ottenendo ottimi risultati anche in quel campo e in quel mondo.

Leggi anche: Salva una trentenne donando le sue cellule staminali


 

Leggi anche

furto-fotografia
Esteri

Identificano i ladri grazie a una foto delle vacanze

Una coppia di rientro da un soggiorno in Thailandia scopre l'identità di chi li aveva truffati grazie ad una fotografia I turisti, oltre a godersi le vacanze, devono stare sempre attenti alle truffe. Molte volte i malviventi del luogo cercano di approfittarsi della spensieratezza di chi è in viaggio per trarne benefici. E' il caso di una coppia americana che, in Thailandia, credevano di aver perso un prezioso orologio. Scorrendo le fotografie della vacanza però hanno notato un dettaglio non indifferente: in uno degli scatti era stato colto in flagrante il ladro. La donna infatti era stata adescata da un Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*