Francia: ritrovato ospedale sotterraneo della prima guerra mondiale

Francia: ritrovato ospedale sotterraneo della prima guerra mondiale

Viaggi

Francia: ritrovato ospedale sotterraneo della prima guerra mondiale

nosocomio
Ospedale abbandonato

Un ospedale sotterraneo risalente alla prima guerra mondiale è stato recentemente ritrovato. Marc Askat ha recentemente pubblicato una serie di fotografie del ritrovamento

Mark Askat è un fotografo ed esploratore urbano, poco tempo fa ha pubblicato delle immagini del prezioso ritrovamento. L’ospedale sotterraneo era risalente alla prima guerra mondiale. Ubicato in Francia e precisamente: nella parte settentrionale del paese. La sua esatta posizione è top secret, e questo per cercare di arginare il triste fenomeno della vandalizzazione delle rovine. In altre parole: degli individui senza scrupoli potrebbero portare via dei reperti interessanti. Inoltre è possibile il rischio di esplosione degli ordigni bellici ancora attualmente situati nell’area.
Nel mondo i luoghi abbandonati sono tantissimi: bisogna visitarli per riscoprirne lo splendore.
nosocomio

Alcune considerazioni sul prezioso ritrovamento dell’ospedale

La prima guerra mondiale fu una guerra molto difficile e ostica, le nazioni che entrarono in conflitto combatterono per diversi anni battaglie epocali. I Paesi dell’epoca si dotarono di strutture per curare i militari e i civili della guerra.
Ritrovare un ospedale sotterraneo è qualcosa di estremamente importante: significa fare riemergere alcuni elementi oscuri del passato.

L’edificio sotterraneo anche se semidistrutto ha comunque misteri da svelare. E soprattutto cela pagine di storia vissuta che meritano di essere narrate. La storia è fatta di eventi cronologicamente passati. Ma è anche la ricerca delle verità e delle tante ragioni che portarono l’Europa in guerra.
nosocomio

Com’era l’ospedale francese risalente alla prima guerra mondiale

Un tempo, le ampie sale della struttura sanitaria erano utilizzate per ospitare i feriti, a tutt’oggi sono completamente vuote. E questo a imperitura memoria della guerra che, in quest’area del Paese, finì molto probabilmente per raggiungere il suo picco massimo di violenza.
Addentrarsi, oggi, nella struttura è qualcosa di estremamente complesso, e questo dipende in gran parte dal fatto che le rovine sono tante e il visitatore rischia di finire in un labirinto.

Il prezioso lavoro del fotografo Marc Askat

Askat ha svolto un lavoro straordinario, ed è riuscito a risalire velocemente alla posizione dell’ospedale soprattutto dallo studio di riviste risalenti a quell’epoca.

E poi anche dalla ricerca impetuosa tra i boschi del Paese transalpino.
La struttura è incastonata in un’ampia cava di calcare, conserva ancora diversi cimeli dell’epoca, come per esempio: le attrezzature e le barelle.
È bene ricordare che l’opera di distruzione portata a termine dai vandali, infatti, non è arrivata sino alle camere del nosocomio. Inoltre i graffiti sono stati realizzati nell’epoca della Grande Guerra.
nosocomio

Il viaggio compiuto all’interno del nosocomio

Descrivere a parole quello che il visitatore nota all’interno dell’ospedale è veramente complicato. E tutto questo dipende da tanti fattori. In primo luogo, dal fatto che gran parte dei rivestimenti delle stanze sono in gran parte distrutti. Il visitatore dovrà cercare di ricostruire con la mente, le sembianze di un tempo del nosocomio risalente alla prima guerra mondiale.
Attualmente, gli ordigni presenti nel sito sono pericolosamente instabili. Tutto questo dipende dal fatto che è passato oramai un secolo. Bonificare il sito sarà molto importante, per consentire alle persone interessate di visitare il nosocomio.

Altre considerazioni di Marc Askat

Il fotografo ed esploratore urbano Marc Askat, in merito al ritrovamento dell’ospedale, ha fatto alcune considerazioni.

In primo luogo ha affermato che un giorno ha scoperto una vasta rete di tunnel. Questi ultimi venivano utilizzati dai militari francesi e inglesi come ospedale nel mentre della Grande Guerra. È bene ricordare che persino gli abitanti dei paesi limitrofi lavoravano al ripristino del luogo. Ma, a tutt’oggi, poiché compiere un giro nell’area è molto pericoloso, non si può ancora proteggere l’area da atti vandalici. L’esatta posizione dell’ospedale francese risalente alla prima guerra mondiale è segreta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche