Francis Bacon a Firenze: una mostra d’arte per palati forti COMMENTA  

Francis Bacon a Firenze: una mostra d’arte per palati forti COMMENTA  

 

Continua a Firenze,  fino al 27 gennaio, la mostra Francis Bacon e la condizione esistenziale nell’arte contemporanea,  ospitata nello spazio della CCC Strozzina, il Centro di Cultura Contemporanea di Palazzo Strozzi.


Insieme ai dipinti di Bacon, sono esposte le opere di cinque artisti contemporanei (Nathalie Djurberg, Adrian Ghenie, Arcangelo Sassolino, Chiharu
Shiota, Annegret Soltau), scelti in quanto ritenuti gli ideali continuatori della linea riflessiva inaugurata dal grande artista irlandese sul tema della
condizione umana.


La mostra si snoda tra i dipinti di Bacon dall’inconfondibile stile materico e liquefatto, alle inquietanti e deformi bambole in plastilina della Djurberg, passando per le strane “Apple Fight” (letteralmente “guerra di torte”) di Adrian Ghenie: volti disfatti che tutto richiamano alla memoria tranne che le innocenti torte in faccia. Si passa poi ai “ritratti fotografici cuciti” della Soltau  fino ad arrivare alla  rumorosa installazione di Sassolino che, azionandosi
inaspettatamente, fa sobbalzare prima, e incuriosire poi, i visitatori. A quest’ultima opera si accede passando attraverso l’installazione appositamente
creata per la mostra da Chiahuru Shiota:  un fitto reticolato nero  che sembra avvolgere il visitatore e nel quale sono imprigionati, fino a risultare difficilmente riconoscibili, oggetti dell’uso domestico (l’artista ha usato vecchie porte reperite proprio nei magazzini della Strozzina).

La mostra,  annoverata tra le imperdibili nel panorama artistico italiano,  porta il visitatore ad affacciarsi sull’abisso che è l’immaginario di questi sei artisti, uniti dalla tendenza a rendere oggetti privilegiati delle loro opere proprio i grandi tabù di ogni tempo: la morte, il disfacimento del corpo, i rapporti umani
malati, la sessualità morbosa e il senso di incompletezza e di prigionia avvertiti dall’essere umano.


In conclusione: visitatela, ma solo se consapevoli di confrontarvi, una volta entrati, con artisti che, lungi dall’edulcorare la
realtà, vi sbatteranno in faccia i suoi lati peggiori (ma innegabili), con l’intento di esorcizzarli e di suscitare non scandalo o disgusto, ma
riflessioni e, magari, risposte.

L'articolo prosegue subito dopo


Linda Checconi

Francis Bacon e la condizione esistenziale
nell’arte contemporanea

Nathalie Djurberg, Adrian Ghenie, Arcangelo Sassolino, Chiharu
Shiota, Annegret Soltau

Centro di Cultura Contemporanea Strozzina

Fondazione Palazzo Strozzi, Palazzo Strozzi, Firenze

5 ottobre 2012-27 gennaio 2013 / October 5, 2012 – January 27, 2013

Info: http://www.strozzina.org/

Pie Fight Pie Fight Study

1 / 3
1 / 3
  • Pie Fight Study
  • Pie Fight
  • BeFunky_03012013847

Adrian Ghenie, Pie Fight Interior, 2012             Adrian Ghenie, Pie Fight Study  5/7/12, 2012

 

Leggi anche

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*