Frank Matano e Cyberbullismo: contrastarlo dalla scuola

Tecnologia

Frank Matano e Cyberbullismo: contrastarlo dalla scuola

Il popolare comico e presentatore Frank Matano è da tempo impegnato socialmente nel contrasto al cyberbullismo una piaga devastante che prende di mira i minori.

Frank Matano, il celebre comico e conduttore televisivo è sempre più impegnato nel sociale con l’obiettivo di contrastare il cyberbullismo, una piaga che da tempo sta mietendo vittime tra gli utenti dei social network. Il conduttore, in una intervista, ha manifestato la propria intenzione di utilizzare il digitale e la pubblicazione di video educativi per contribuire a combattere il cyberbullismo.

‘Il digitale – ha dichiarato Frank Matano – ha cambiato drasticamente la mia professione, tenuto conto che prima ero un disoccupato e adesso non lo sono più. Ora con i miei video voglio far ridere ma non insegnare qualcosa. Penso che il bullismo sia sempre esistito solo che adesso è più ‘fico’ farlo sui social network, perchè non ti trovi davanti la persona che ferisci. Penso che il contrasto al cyberbullismo debba partire dalle scuole’.
Per contrastare il cyberbullismo anche il governo ha mosso i primi passi approvando un disegno di legge a tutela dei minorenni contro le molestie e i bullismo perpetrato attaverso i mezzi telematici.

Il bullismo è un fenomeno che riguarda soprattutto i minorenni che spesso rimangono incagliati nelle maglie della tortura psicologica e della violenza fisica che vede come teatro la scuola. Il cyberbullismo non è altro che la manifestazione di queste violenze perpetrate attraverso i social network o i dispositivi elettronici. Può essere manifestato in modo diretto o indiretto.

Il metodo diretto prevede le minacce espressamente inviate alla persona presa di mira, mentre quello indiretto viene manifestato attraverso calunnie. Il cyberbullismo è ancora più grave perchè può essere manifestato spesso in forma anonima e può raggiungere in poco tempo una vasta platea. Si pensi ad esempio alla pubblicazione di foto compromettenti che spesso fanno il giro del web attraverso le condivisioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche