Frittura costosa, la cliente si infuria su Facebook COMMENTA  

Frittura costosa, la cliente si infuria su Facebook COMMENTA  

Vi è mai capitato di cenare in un locale e di ricevere uno scontrino poco piacevole e inaspettato? Una cliente della storica pizzeria napoletana “Da Michele” a Fuorigrotta si sfoga su Facebook suscitando tantissimi commenti. Nel mirino della donna, che ha cenato nel rinomato locale in compagnia del marito e del figlio, lo scontrino dal quale si evince il costo, effettivamente esagerato, della frittura (33 euro). La cliente ci ha tenuto però a precisare che tutto il resto è stato impeccabile: “Ottimo locale, personale gentilissimo, ma sconvolgente il prezzo della frittura”.

Leggi anche: ULTIM’ORA Cagliari. Schianto fra due auto. 21enne perde la vita

Tra gli utenti del social network, in risposta al post pubblicato da F.P, alcuni rimarcano l’eccellenza della cucina del locale partenopeo, altri però sono d’accordo sul fatto che il costo delle consumazioni è piuttosto esagerato. In ogni caso, proprio per quanto l’ha pagata, alla povera cliente la frittura potrebbe essere stata indigesta.

Leggi anche: La danza del Papa: video virus su WhatsApp

Leggi anche

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell'estrema destra
Attualità

Austria: Van der Bellen è il nuovo presidente. La sconfitta dell’estrema destra

 A cento anni  dalla morte dell'imperatore più amato, Francesco Giuseppe, l'Austria si riscopre epicentro di un destino europeo. Anche le elezioni presidenziali di oggi potrebbero segnare la fine di un mondo, di un  " mondo di ieri" come avrebbe detto Stefan Zweig, quello dei partiti tradizionali, quello del liberalismo democratico e quello del solido europeismo austriaco. La sfida è tra il candidato di quel mondo, Alexander Van der Bellen, e il rappresentante del populismo nazionalista, Norbert Hofer, esponente di un partito, la Fpoe, schizzato alle stelle in tutti i sondaggi cavalcando gli istinti più bassi provocati dalla crisi dei profughi del 2015. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*