Froome: “io come Pantani? Non amo essere accostato a certi corridori” COMMENTA  

Froome: “io come Pantani? Non amo essere accostato a certi corridori” COMMENTA  

In un’intervista rilasciata al quotidiano La Stampa, il neo vincitore del Tour de France 2015, il britannico Chris Froome, si è raccontato e ha raccontato questa corsa gialla.

Leggi anche: Tour de France 2016, protagonisti: Chris Froome

Tutto bene, tutto giusto.
A parte una caduta di stile che agli appassionati di ciclismo non può proprio piacere. Una battuta infelice e gratuita riferita al corridore che più di tutti, negli ultimi 20 anni, ha interpretato il ciclismo in modo spettacolare, spinto, memorabile: Marco Pantani.

Leggi anche: Tour 2016, a Dumoulin la prima crono, Froome 2°

Al giornalista che gli ricordava che un certo tecnico che lo fece passare professionista non si sarebbe mai aspettato da lui degli exploit alla Pantani, Froome ha risposto: “Non amo essere accostato a certi corridori. Mi sento molto diverso dai ciclisti di un certo passato e dal loro modo di interpretare il nostro sport”.
Si vede.

Non è per fare della retorica su Pantani. Lui è stato un grande corridore, punto e basta. Uno che ha vinto giro e tour lo stesso anno e che, sempre in quell’anno, ha superato tutti, ma proprio tutti, i controlli anti doping possibili e immaginabili. E che, se dobbiamo dirla fino infondo, quando, l’anno successivo, è stato fermato, si trattava del discutibile valore troppo basso dell’ematocrito.

L'articolo prosegue subito dopo

L’insinuazione su Pantani è stupida e gratuita, come lo sono quelle che riguardano Froome, che quindi farebbe molto meglio ad astenersi da commenti così superficiali.
A Froome piace vincere, su questo non ci sono dubbi. Lo stesso era per Pantani, solo che le vittorie di Pantani sono state anche una vittoria del ciclismo, un omaggio all’eroismo di questo sport. Quelle vittorie sono il motivo per cui ci sono ancora così tanti appassionati a seguire le gesta della maglia gialla e di quella rosa, nonostante tutte le porcherie di questi anni.
È a quelle vittorie che Froome deve il suo pubblico.
Ci pensi bene, lui, che, invece, si prende la vittoria, ma a questo sport non lascia nulla da ricordare.
Sperando davvero, a questo punto, che il suo reclamo di essere un corridore pulito non debba mai essere sbugiardato.

Leggi anche

ambulanza-bloccata-in-campo
Sport

Ambulanza resta impantanata sul campo di rugby: i giocatori la spingono

Fare squadra significa anche reagire tutti insieme alle difficoltà, per superarle. E questo video lo mostra appieno: riguarda un infortunio avvenuto durante una partita di rugby di serie C tra Val Camonica e Casalmaggiore. Michele Prevedello, uno dei giocatori della squadra di casa, è caduto a terra, vittima di un infortunio piuttosto serio che ha richiesto l'intervento di un'ambulanza in campo, per soccorrerlo e portarlo al più presto in ospedale ed il match è stato per questo temporaneamente sospeso. Ma a causa delle condizioni del terreno, il mezzo di soccorso è rimasto completamente impantanato nel fango che si era formato Leggi tutto

1 Trackback & Pingback

  1. Froome: “io come Pantani? Non amo essere accostato a certi corridori” | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*