Frutta secca: benefici per l’organismo

Salute

Frutta secca: benefici per l’organismo

Frutta secca: benefici per l'organismo
Frutta secca: benefici per l'organismo

Frutta secca fa rima con salute. I benefici per l’organismo sono molti. Indicata per studiosi, donne in dolce attesa e sportivi: le giuste dosi

Frutta secca in ogni dieta: è questo il consiglio degli esperti! Nelle giuste dosi, ha effetti benefici per la nostra vita: agisce sul colesterolo, riducendo il rischio di malattie cardiovascolari, reintegra i nutrienti, in caso di mancanze e contiene l’acido folico, vitamina del gruppo B che la donna non possiede naturalmente, ma è fondamentale durante la gravidanza. La frutta secca a guscio(diversa dalla frutta essiccata) è detta altrimenti “oleosa“, per l’alto contenuto di grassi, i cosiddetti acidi grassi insaturi. Le dosi consigliate sono 4-5 noci al giorno(anacardi, o mandorle) e qualche cosa di più per pistacchi e pinoli. Non tutti i tipi hanno le stesse proprietà e pari benefici per l’organismo. Ecco le differenze.

Frutta secca: proprietà e benefici di quella più comune

NOCI.

Ricche di omega 3 vegetale, un acido grasso che riduce i processi infiammatori nelle arterie e irrobustisce le ossa.

NOCCIOLE. Contengono potassio, calcio, magnesio e altri minerali che aiutano a mantenere bassi i valori della pressione. La vitamina B9(acido folico) che contengono riduce il rischio di malformazione nel feto nelle donne in gravidanza. Dà energia e riduce i disturbi al cuore.

PISTACCHI. Contengono la luteina, un antiossidante che contrasta il processo di invecchiamento della retina e riduce il colesterolo.

MANDORLE. Danno un forte senso di sazietà per l’elevato contenuto di proteine. Contengono vitamina E, grassi insaturi e minerali: il loro consumo è consigliato in caso di denutrizione e di carenze all’organismo(gravidanza, convalescenza e attività sportiva).

ARACHIDI. Oltre ai grassi, contengono proteine e sali minerali. Tra le vitamine, la niacina è fondamentale per lo stato di salute delle cellule nervose e la circolazione del sangue. Come le more e le fragole(e più di mele, carote e barbabietole) sono buoni antiossidanti.

E’ bene fare attenzione, però, perché in alcuni soggetti possono indurre reazioni allergiche.

PINOLI. Contengono per lo più acidi grassi insaturi, proteine, minerali e vitamina E. La presenza di fibre facilita la regolarità intestinale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

come perdere 6-7 chili in una settimana
Wellness

Come perdere 6-7 chili in una settimana

18 ottobre 2017 di Notizie

Perdere peso in una settimana grazie al latte e ai cereali. Le loro proprietà nutritive permettono di tornare in linea senza affaticarsi troppo. Basta seguire pochi semplici passi.