Fruttariana beve urina per tenersi in forma

fruttariana-beve-urina-per-tenersi-in-forma
fruttariana-beve-urina-per-tenersi-in-forma

Pamela Scuppa è una giovane mamma che sta facendo parlare di sè. Una fruttariana che per mantenersi in forma, beve urina praticando l’urinoterapia.

Pamela Scuppa, da tutti conosciuta come Pam, è una mamma e una illustratrice, che ha ottenuto grande fama grazie al suo canale Youtube in cui parla di alcuni alimenti naturali che consuma e di una nuova pratica, ovvero l’urinoterapia.

Leggi anche: Si possono dare semi di chia ai bambini?

La giovane, madre di due bambine, consiglia di bere urina per tenersi in forma.

Da circa 13 mesi ha iniziato una dieta a base di frutta, per combattere i chili di troppo e la sua obesità.

Leggi anche: Semi di chia: dose consigliata per dimagrire

Da un paio di settimane, integra alla sua dieta anche una bevanda particolare, la sua urina. Ovviamente i medici e gli esperti dell’alimentazione sconsigliano questa pratica, ma Pamela o meglio Pam è convinta e la sta portando a termine per svegliare le coscienze e condurre uno stile di vita sano.

L’urinoterapia ha degli ottimi benefici, a suo dire, per il corpo e la salute, in quanto cura problematiche quali asma, diabete, cancro, ipertensione.

Di questa sua nuova particolarità nella dieta, dice: “Io bevo la mia urina perché la mia dieta consiste di sola frutta.

Leggi anche: I semi di chia fanno dimagrire?

Il gusto dell’urina è molto piacevole. I minerali e le proprietà che rilascia sono ottimi e fanno bene ai reni. Dovrebbe essere una abitudine assunta da tutti”.

La giovane mamma ha anche due figlie a cui ha impartito una alimentazione vegana, ma che per ora non hanno ancora bevuto urina.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: Omocisteina bassa, causa e sintomi

Afferma che è una pratica che dovrebbero conoscere molti, dal momento che il gusto dell’urina è molto buona e sembra bere del latte.

 

Leggi anche

imbarchi-aereo
Attualità

La mia grappa è una ‘bomba’, scattano misure anti terrorismo

A volte i malintesi possono generare il caos. Come accaduto poco prima della partenza, dall'aeroporto Marco Polo di Venezia, di un volo Air Canada per il quale è scattato il protocollo anti terrorismo dopo le parole di uno dei passeggeri. In fase di imbarco infatti un passeggero italo-canadese di origini trevigiane, ha pronunciato le parole sbagliate nel momento sbagliato. "Questa grappa è una bomba", avrebbe detto alla compagna poco prima di salire sull'aereo; un altro passeggero poco distante ha udito tutto e preoccupato ha avvisato il comandante di quanto udito pochi minuti prima; tanto è bastato per generare preoccupazione e [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*