Funerale Diego Galante: bloccato per assenza documento di sepoltura COMMENTA  

Funerale Diego Galante: bloccato per assenza documento di sepoltura COMMENTA  

funerale diego galante
funerale diego galante

Diego Galante, quarantenne residente ad Agrate Brianza, ha perso la vita lo scorso 24 Agosto ad Amatrice a causa del forte terremoto avvenuto quella notte d’inferno.


Diego era in vacanza con la compagna filippina Sook Mancini, anche lei tra le vittime e i suoi due figli, avuti da una relazione precedente, i quali fortunatamente sono stati estratti vivi dalle macerie.


Purtroppo per lui l’incubo non è ancora finito, il suo funerale si sarebbe dovuto svolgere il 30 Agosto presso Turro, a Milano, ma purtroppo è stato rimandato a data ancora da stabilirsi per la mancanza di un documento. Il documento in questione è il certificato di sepoltura, che dovrebbe arrivare a Milano dal comune di Amatrice in forma cartacea e purtroppo senza questo pezzo di carte il funerale non può essere celebrato.


Il padre di Diego, un uomo già provato e distrutto dal dolore è incredulo e ha raccontato la sua triste storia, vuole solo poter dire addio a suo figlio in pace, senza avere ulteriori intoppi burocratici. ” Siamo nel 2016 dove tutto dovrebbe essere fatto in modo telematico, ma al comune mi chiedono un documento cartaceo che non riescono a mandarmi” queste sono le parole del padre che giustamente si lamenta del sistema con cui vengono gestite le cose.

L'articolo prosegue subito dopo


Il feretro di Diego è arrivato in Lombardia all’inizio della settimana scorsa ora però resterà all’obitorio di Lambrate fino a nuovo ordine.

 

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*