Funny Games tortura Stanley Kubrick COMMENTA  

Funny Games tortura Stanley Kubrick COMMENTA  

Funny games (giochi divertenti) è un remake shot-for-shot (scena per scena) dell’omonimo film austriaco del 1997 del regista Michael Haneke. Il regista vuole riproporre la stessa trama del film di dieci anni fa in versione americana: la vacanza di una tipica famiglia borghese diventa un incubo di torture e sevizie a causa di due sconosciuti adolescenti.
E’ stato paragonato e contiene un esplicito richiamo ad “Arancia Meccanica”, film che fece scandalo nel 1971 del regista Stanley Kubrick. Il tema dei due film e’ sicuramente affine: una società votata ad un’esasperata violenza che riscopre il suo essere nelle torture e nelle sevizie gratuite. Entrambi i film creano un gioco sadico: lo spettatore e’ arrabbiato e al tempo stesso terrorizzato perché complice e vittima dei carnefici protagonisti della pellicola. Le somiglianze tra i due film però finiscono qui: Haneke non e’ Kubrick!
Il ritmo del film di Haneke e’ lento e spesso cade nel “già visto”. Lo scopo di Funny games e’ come lo ha definito il suo stesso regista: “Voglio mostrare la realtà della violenza, il dolore, le ferite inflitte da un essere umano a un altro. In molti film americani la violenza è diventata un prodotto di consumo”. La violenza come intrattenimento del grande pubblico e’ un tema abbastanza ricorrente e poco originale. La versione tedesca di dieci anni fa era forse più attuale ed anche più incisiva.
Il cast americano e’ sicuramente degno di nota: Tim Roth (“Le iene”, “L’incredibile Hulk”), Naomi Watts (“King Kong”, “The Ring 2”), Michael Pitt (“Dawson’s Creek”), Brady Corbet (“Tredici anni”).
I due giovani psicopatici impersonati da Michael Pitt e Brady Corbet, che sono due giovani con la faccia pulita (anche un po’ femminielli, come direbbero a Napoli), vestiti di bianco e muniti anche di guanti (giocatori di golf o infermieri?) non possono spaventare nel far diventare lo spettatore tachicardico: il sangue rosso si vede meglio sullo sfondo bianco? E’ scontato, banale, noioso come tutto il film. Si può solo rimpiangere la genialità di Kubrick.

Leggi anche

Fast & Furious 9
Cinema

Fast & Furious 9: anticipazioni sul film

La fortunata saga di Fast & Furious, incentrata sul mondo delle corse, si sta preparando all’uscita del capitolo numero 9. Il franchise che ha come icone quelle di Vin Diesel e di The Rock, oltre ad alcune delle auto più belle che possiamo vedere al cinema, sta rilasciando di volta in colta piccoli pezzi di anticipazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*