Futura presidentessa dell’Associazione dei familiari delle vittime della crisi istigata al suicidio COMMENTA  

Futura presidentessa dell’Associazione dei familiari delle vittime della crisi istigata al suicidio COMMENTA  

Silvia Schiavon, figlia dell’imprenditore padovano che si è tolto la vita a fine 2011, era stata prescelta come Presidentessa dell’Associazione delle vittime della crisi economica.

L’associazione, che sta muovendo i suoi primi passi, nasce con l’idea di dare sostegno alle vittime della crisi, già 23 da inizio anno.


La Schiavon si vede però recapitare a casa una lettera ricolma di ingiurie in cui le si  consiglia di suicidarsi come il padre. Tra le accuse la più infamante è voler sfruttare la morte del padre per un ritorno di immagine personale.  La donna, sconvolta, inorridisce di fronte ad una simile calunnia e decide quindi di rinunciare all’incarico.

Valentina Vichi

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*