Grande Fratello Vip: la gaffe di Simona Izzo su Amanda Lear

Grande Fratello Vip: la gaffe di Simona Izzo su Amanda Lear

Grande Fratello

Grande Fratello Vip: la gaffe di Simona Izzo su Amanda Lear

amanda lear

Al Grande Fratello Vip 2 nuove rivelazioni shock: Simona Izzo parla di Amanda Lear e si lascia scappare che la soubrette era un trans

Sicuramente i fan più accaniti del Grande Fratello Vip ricordano bene la vicenda Bettarini-Russo di un anno fa. Tale episodio, però, sembra non essersi scolpito nella memoria dei concorrenti di quest’anno. Al Grande Fratello Vip 2, i noti partecipanti si stanno lasciando andare liberamente a strafalcioni, gaffe e discorsi fuori luogo. Questa volta è toccato a Simona Izzo, la “sovrana” di Tristopoli. L’attrice e regista, chiacchierando con gli altri inquilini, si è lasciata andare esprimendo parole forti su Amanda Lear: “Era bellissima, di una bellezza mozzafiato. È ovvia che prima era un uomo prima. Era una transgender, ha fatto un intervento. Certo, era trans”. Queste sue parole sono state subito stoppate dalla regia del programma, che ha mandato in onda la pubblicità. Avranno adesso degli strascichi?

Qualche tempo fa, nel corso di un’intervista, in merito all’aura di mistero che ha sempre avvolto il suo personaggio, la stessa Amanda Lear aveva dichiarato: “Sul mio sito c’è scritto tutto.

La verità è che mi interessava fare carriera. Tutto era buono per farmi notare. Ero provocatoria come oggi Miley Cyrus, Rihanna, Beyoncé, le considero le mie figlie. La più brava, anche se veste da cani, è Lady Gaga“.

Amanda Lear: vita e carriera

Amanda Lear è lo pseudonimo di Amanda Tapp , nata a Hong Kong il 18 novembre 1939. Modella, cantante, attrice, scrittrice, pittrice e presentatrice televisiva francese naturalizzata italiana, Amanda non si è mai fatta mancare nulla. Intraprese la carriera di modella all’inizio degli anni 60, distinguendosi proprio per il suo aspetto androgino, che colpì anche il pittore surrealista Salvador Dalí, del quale fu spesso musa. Attirò l’attenzione del pubblico nel 1973, dopo aver posato come modella fetish sulla copertina dell’album For Your Pleasure dei Roxy Music. A seguito di questa esperienza, cominciò la sua storia d’amore con David Bowie. Fu lui a rivelare anni di averle suggerito di giocare sull’ambiguità per attirare l’attenzione.

I suoi primi produttori furono i La Bionda.

Poi nel 1975 Amanda ottenne grande successo come cantante, dopo aver stipulato un contratto di collaborazione con la Ariola Records di Monaco di Baviera. Con una voce bassa e sensuale e un forte personaggio dall’aura ambigua e misteriosa, la Lear raggiunse un notevole successo come interprete di musica disco in tutta Europa, in Sud America, in Giappone e altri paesi del mondo. Vanta 15 album, più di 50 singoli e circa quindici milioni di copie di album vendute, nonché circa trenta milioni di singoli venduti in tutto il mondo.

Poliglotta, simpatica e dotata di una notevole intelligenza e ironia, Amanda Lear ha affiancato alla carriera musicale anche una fortunata serie di partecipazioni in programmi televisivi d’intrattenimento, sia in Italia che in Francia e in Germania. Ha lavorato prima come soubrette, poi come vera e propria conduttrice. Ha inoltre continuato a dipingere, a scrivere e a dedicarsi alla carriera di attrice.

Dal 2003 Amanda Lear vive a Saint-Étienne-du-Grès vicino ad Avignone, nel sud della Francia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche