Il dissidente Gao Zhisheng denuncia i soprusi del governo cinese

News

Il dissidente Gao Zhisheng denuncia i soprusi del governo cinese

Gao Zhisheng, avvocato che grazie alla sua dedizione nelle cause civili e nella lotta contro i soprusi del potere pubblico cinese ha ricevuto nel 2008 il premio Nobel per la pace, denuncia in un’ intervista dopo 5 anni di silenzio le violenze psicologiche e fisiche subite durante gli anni di reclusione .
L’ uomo e’ stato recluso molteplici volte per incitamento alla sovversione, a causa della pubblicazione di alcuni dossier che documentavano delle persecuzioni verso i cristiani e per aver difeso la Falun Gong, un gruppo religioso non accettato dal governo cinese. La prima condanna risale al 15 agosto 2006 quando venne arrestato senza preavviso mentre si trovava a casa della sorella e condotto nelle carceri dove rimase per 3 anni. Venne incarcerato altre volte nel 2007, nel 2009 e nel 2011. Durante questi sembra che abbia subito soprusi come scariche elettriche, isolamento e maltrattamenti.
Nel 2009 i membri della sua famiglia si sono trasferiti negli Stati Uniti come rifugiati politici, lui ha deciso di non seguirli per continuare la sua causa, “ogni volta che ognuno di noi esce di prigione vivo e’ una sconfitta per i nostri nemici” queste le sue parole.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche