Gara di pesca sul Sesia interrotta da aggressione dei vegani COMMENTA  

Gara di pesca sul Sesia interrotta da aggressione dei vegani COMMENTA  

vegani

Gli animalisti vegani della Meta sono stati denunciati da dai pescatori dell’associazione “La pesca in mare” per avere aggredito un bambino a parole.

A Quarona in provincia di Vercelli, sul fiume Sesia, il 24 luglio si è tenuto un blitz condotto dagli animalisti della Meta, Movimento Etico Tutela Animali e ambiente. Il luogo della manifestazione è stato scelto perchè lì si stava tenendo una competizione di pesca condotta dall’associazione “La pesca in mare”. Durante questo evento gli animalisti vegani hanno interrotto i pescatori intenti nella loro attività e hanno iniziato ad accusarli di omicidio. Si sono rivolti poi al figlio di un pescatore lì presente dicendogli: “tuo padre non ti sta dicendo la verità, ti sta insegnando ad ammazzare, è un assassino di animali”. Il bambino è scoppiato in lacrime e i genitori hanno denunciato gli attivisti della Meta. Gli animalisti hanno addirittura filmato l’evento. Hanno poi pubblicato il video su Facebook con questo commento: “Gli attivisti di Fronte Animalista e META hanno ottenuto un ottimo risultato alla gara di pesca alla trota in Quarona (VC), ovvero, trote pescate ZERO !!! Invece di uccidere dei poveri pesci, state un po’ di più a casa con vostra moglie“. Infatti si sono posizionati accanto ai pescatori e li hanno disturbati lanciando sassi in acqua. Poi in modo molto insistente, li hanno accusati di essere assassini ed è iniziata la discussione, quasi sfociata in rissa, che ha portato alla denuncia. L’associazione di pescatori, su Facebook, la definisce un’aggressione da parte degli animalisti della Meta.


Assalto degli animalisti contro i pescatori

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*