Gastrite nervosa: come riconoscerla

Salute

Gastrite nervosa: come riconoscerla

La gastrite nervosa consiste nell’infiammazione della mucosa gastrica prodotta da una produzione eccessiva di succhi gastrici.

La gastrite nervosa attualmente è una delle patologie più diffuse. Infatti tantissime persone ne soffrono e le cause sono molteplici. Uno dei fattori che incidono di più è senza dubbio lo stile di vita frenetico dei nostri giorni. Infatti questo induce a vivere una vita quotidiana fatta di stress, tra lavoro e impegni, che generano ansie. Questa è fondamentalmente la causa principale della gastrite nervosa. La patologia consiste nell’infiammazione della mucosa gastrica prodotta da una produzione eccessiva di succhi gastrici. Ma come è possibile riconoscerla? I sintomi più comuni consentono di riconoscere il manifestarsi del disturbo.

In primis bruciore o dolore alla parte alta dello stomaco. Tale sintomo è sicuramente il più comune e frequente. Spesso, infatti, capita di riconoscere una sorta di debolezza all’altezza della bocca dello stomaco. Qualora si dovesse riscontrare questa sensazione si è in presenza di un principio di gastrite.

La patologia non è preoccupante, in quando basta cominciare a prendere le dovute precauzioni. Soprattutto dal punto di vista alimentare e abitudinale. Molte persone riscontrano invece una forte sensazione di bruciore. Questo si spande sia nella parte superiore dello stomaco che nell’esofago a causa del reflusso. Nei casi più gravi il bruciore si trasforma dolore vero e proprio.

Altri sintomi possono essere nausea e vomito. Si tratta di casi più rari rispetto ai sintomi descritti prima. In questo caso si può percepire un forte senso di nausea che può sboccare in un episodio di vomito. In questo caso respingere liquido di colore giallo è assolutamente normale. La situazione è più grave se si scorgono tracce ematiche. Infatti in questo caso l’infiammazione può essere così forte da non dover essere sottovalutata. Sarà necessaria una visita dal medico di base. La prima cosa da fare se si ha questa patologia, è quella di condurre uno stile di vita meno stressante.

Magari cercando di ritagliarsi dei momenti di relax nel corso delle giornate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche