Genoa- Cagliari: festival del gol rossoblù

Genova

Genoa- Cagliari: festival del gol rossoblù

esultanza genoana Genova- Tra le mura amiche di Marassi, roccaforte rossoblù, il Genoa supera il Cagliari in una gara emozionante e piena di occasioni. Privo dei bomber del mercato di riparazione di gennaio (Suazo e Acquafresca), mister Gasperini affila il suo tridente affidandolo a Palacio, Sculli e Palladino. La cronaca dell’incontro vede passare in vantaggio gli ospiti con Dessena, lesto a sfruttare un cross dal fondo (con la palla già uscita). La partita, già emozionante, si fa nervosa e Palacio riesce a conquista un rigore: è Zapater dal dischetto a timbrare l’uno a uno. Poi ancora lui, di nuovo Palacio, figlio del vento, che in un azione offensiva dopo essersi impappinato malamente sul pallone riesce a insaccare di tacco il gol del 2 a 1. Ma il Cagliari per il momento regge ancora la pressione rossublù e pareggia con il suo capitano Daniele Conti. La truppa di Gasperson è brava a tenere saldi i nervi e sigla il tre a due con un’azione di frombolieri che mette Sculli in condizione di insaccare di testa. Marassi poi si scioglie sul quattro due quando sale sul palcoscenico uno dei suoi beniamini, capitan Rossi, uno che in carriera ha sempre fatto più chilometri che gol ma che recentemente sempre aver trovato un discreto fiuto per la rete, volèè del capitano e il popolo rossublù si ritrova in estasi. Bocchetti potrebbe rovinare la festa provocando il rigore per il terzo gol degli ospiti, atterrando il neo nazionale Cossu ma a chiudere i giochi è un altro uomo della “vecchia guardia” Omar Milanetto, che sfrutta un gran lavoro del duo Sculli-Palacio e realizzare la rete della cinquina genoana. Genoa Cagliari si riassume in novanta minuti, otto gol, due rigori e tre pali per il ritrovato Genoa di Gasperini che grazie a questa vittoria supera il Napoli in classifica e culla i suoi sogni europei. …continua.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...