Genova, giovane si impicca per una delusione d’amore

Genova

Genova, giovane si impicca per una delusione d’amore

Nella mattinata di domenica 25 marzo, un giovane di 25 anni è stato trovato impiccato nel bagno della sua abitazione di via Piacenza, nel quartiere genovese di Molassana. Il ragazzo, che ha deciso di farla finita, probabilmente per una delusione amorosa, prima di togliersi la vita impiccandosi con una corda, ha mandato un sms alla sua ex fidanzata: la ragazza ha immediatamente chiamato la centrale operativa della Questura, ma polizia e vigili del fuoco non sono arrivati in tempo.

Questo fatto accade a solo una settimana di distanza dalle sedicenne di Chiavari che ha deciso di togliersi la vita gettandosi sotto un treno.

1 Commento su Genova, giovane si impicca per una delusione d’amore

  1. E’ veramente doloroso il momento in cui una relazione termina ("la fine di un amore"), ancora più doloroso se si viene lasciati improvvisamente e la relazione ha avuto una durata importante.
    Trattasi – psicologicamente parlando – di un evento stressante (anche traumatico) molto intenso: non tutte le persone, da sole, riescono a sopportarlo, elaborarlo (come andrebbe fatto secondo la più avanzata psicoterapia contemporanea ) oppure ridurne, semplicemente, l’impatto emozionale, desensibilizzandosi dall'evento subito.
    La sofferenza provata dipende, oltre che dalla situazione contingente e dalle aspettative sulle persona amata, dalla soglia di sopportazione individuale e da caratteristiche personologiche, nonché da eventuale predisposizione caratteriale o vulnerabilità biopsichica o sensibilità personale, che dir si voglia (v. in particolare le pagine 26, 27, 65, 68, 80, 89, 175, 236, 249, 262, 277, 286, 358, 402, 449, 474, 539, 540 de “Il manuale pratico del benessere”, patrocinato dal club UNESCO (Ipertesto editore). Comunque in caso di seria difficoltà a superare il momento ed eventuale interferenza importante con la propria vita quotidiana è sempre consigliabile rivolgersi ad un capace ed esperto psicoterapeuta, semplicemente per stare meglio con sé e con gli altri ed affrontare il futuro psicologicamente più rafforzati per aprirsi liberamente verso nuove relazioni riducendo al massimo la probabilità di una eventuale sofferenza futura.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*