George Clooney, a volte, beve troppo… COMMENTA  

George Clooney, a volte, beve troppo… COMMENTA  

George Clooney non si nascone dietro a un dito quando si tratta di rivelare al mondo intero i suoi “vizietti”.

L’attore, candidato all’Oscar, ha dichiarato all’Hollywood Reporter: “A volte bevo troppo. Mi piace bere e ci sono stati momenti in cui ho superato i limiti del puro e semplice divertimento e ho bevuto fino a notte fonda senza alcuna ragione particolareCosì, quello che ho fatto è stato dire stop.

Leggi anche: Linea dura a San Dona’

Non tocco alcol da Capodanno”.
George ha anche parlato della sua amicizia con Brad Pitt: “Brad è un ragazzo speciale. Siamo buoni amici, ma il nostro rapporto è differente da quello che pensa la gente, in realtà non passiamo molto tempo insieme.

Leggi anche: Festeggia 101 anni: il suo segreto? bere tanto alcool

Lui è venuto nella mia casa di Como; andiamo in motocicletta insieme. Ma non di recente, non vedo Brad da un anno”.
Clooney ha anche rivelato di soffrire, a volte, d’insonnia, nonostante vada a letto alle dieci di sera: “Appena spengo la televisione, inizio a pensare, una volta che il cervello si è messo in moto, per me è molto difficile prendere sonno”.

Ma non tutti i mali vengono per nuocere, perché è proprio durante questi momenti che ha scritto alcuni dei dialoghi più bella della sceneggiatura delle “Idi di Marzo”.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*