Come gestire gli scherzi telefonici

Guide

Come gestire gli scherzi telefonici

Come gestire gli scherzi telefonici
Come gestire gli scherzi telefonici

Gli scherzi telefonici sono fastidiosi e irritanti, ma possono portare anche a stati di nervosismo e frustrazione. Vediamo come poterli gestire

Gli scherzi telefonici stanno ormai diventando una pratica sempre più minacciosa. Proviamo a vedere passo passo come poterli gestire. Innanzitutto bisogna rendersi conto del tipo di scherzo che si sta ricevendo. Infatti ne esistono diversi tipi: c’è il ragazzino che si diverte una volta tanto, c’è invece chi chiama ripetutamente nel cuore della notte. Ci sono anche gli scherzi telefonici degli ex che vogliono vendicarsi per essere stati mollati, oppure chiamate dirette verso i vostri cari, specialmente vostro figlio.

Una volta capito il tipo di scherzo, possiamo decidere come agire: innanzitutto, se è uno scherzo una tantum, semplicemente ignoriamolo: non diamo la soddisfazione a chi ci ha chiamato di occupare i nostri pensieri e trasformarli in rabbia. Altro metodo è usare un identificatore di chiamate e non rispondere ai numeri non identificati.

Metodo avanzato, se il numero è sconosciuto, è impostare un suono di chiamata apposito per quel tipo di numero, così da riconoscerlo dallo squillo e evitarlo senza alcun tipo di problema. Un modo per anticipare il fastidio, che in fondo male non è. Se invece non si vuole ignorare, si può passare all’azione: se il numero compare, allora lo si può bloccare, o direttamente (ci sono molti modi, a seconda del cellulare utilizzato) oppure servendosi della propria compagnia telefonica, a cui comunicare il numero del disturbatore per bloccarlo definitivamente.

Una soluzione un po’ “estrema” può essere quella di cambiare numero, e di dare il nuovo numero soltanto a contatti di fiducia. In maniera tale il disturbatore non dovrebbe più averlo. Altro modo è quello di chiamare la polizia per risolvere il problema alla radice. Infatti gli scherzi telefonici, se particolarmente insistenti, possono diventare un reato perseguibile. L’importante è ammettere di poter avere bisogno di aiuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...
Modestino Picariello 656 Articoli
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
Contact: Google+