Gianna Gancia: “Per i ragazzi preziosa opportunità di confronto con il mondo agricolo e i mestieri di un tempo”

Attualità

Gianna Gancia: “Per i ragazzi preziosa opportunità di confronto con il mondo agricolo e i mestieri di un tempo”

Cuneo – “Porte aperte in fattoria è un progetto – ha commentato la presidente della Provincia, Gianna Gancia – fondato sul rispetto dell’ambiente e delle sue risorse, che era la filosofia dei nostri antenati ben presente qui in Valle Pesio, concretizzata attraverso la cura delle aree boschive, la valorizzazione di prati ed arativi. Riproporne l’essenza alle nuove generazioni significa credere nella possibilità che i giovani tornino ad avvicinarsi all’agricoltura e ai mestieri di un tempo con spirito rinnovato”.
La commistione tra attività didattiche all’aria aperta e la promozione dell’agricoltura locale è alla base dell’evento ospitato, martedì 11 giugno, dall’Azienda agricola ed agrituristica Lungaserra, in frazione Vigna di Chiusa Pesio.
All’appuntamento hanno partecipato studenti delle classi prime dell’Istituto di Istruzione Superiore “Virginio-Donadio” di Cuneo e numerosi ragazzi portatori di handicap appartenenti a varie scuole superiori del territorio. Tutti hanno preso parte, assieme agli insegnanti guidati dalla professoressa Luisa Revelli, a percorsi di attività assistita con gli asini, oltre a laboratori sulle tinture naturali per la lana e per la lievitazione del pane.

Una giornata conclusa con la consegna degli attestati da parte della presidente della Provincia, che ha detto: “Quella creata da Luciano e Daniela nell’agriturismo Lungaserra è una bella realtà di supporto a portatori di handicap e ragazzi cui offre la possibilità di integrazione e confronto con attività manuali e realtà naturale. Concludiamo oggi un cammino che vede gli studenti protagonisti assieme a numerosi insegnanti e che conduce alla ricerca di sé, delle radici di ciascuno, ma anche alla voglia di creare nuove opportunità di vita. Sento parlare, spesso, di una crescente carenza per i giovani di occasioni di crescita ed affermazione nel nostro Paese. E’ vero, le condizioni dell’economia limitano fortemente aspettative e prospettive, rischiando di compromettere il domani. Ma il futuro va creato qui, oggi, impegnando passione e buona volontà. Iniziando a valorizzare quello che abbiamo, a partire dalle risorse naturalistiche”.
Presenti anche il presidente del Parco naturale del Marguareis Armando Erbì, rappresentanti dell’associazione “Strana idea” di Torino con esposizione di prodotti in feltro e dell’associazione salesiana Compartir, oltre alla signora Maria Teresa Bertorello con i laboratori di sapone naturale.

Il progetto ha il supporto di Fondazione Crc, Parco Naturale del Marguareis, Provincia di Cuneo, Istituto Virginio-Donadio, Ente Nazionale delle Guide equestri e ambientali, Fattorie didattiche, Campagna Amica, Terra nostra e Fattoria amica.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche