Giappone: il turismo macabro della foresta dei corpi COMMENTA  

Giappone: il turismo macabro della foresta dei corpi COMMENTA  

Ordinati fino all'ultimo, e, come si può vedere dalle scarpe, alcuni molto giovani.

青木ヶ原. 樹海.

Per chi di voi non conosce il giapponese, gli ideogrammi che ho appena scritto si pronunciano Aokigahara Jukai. Il significato, in quel puro stile solenne tipico del paese del Sol Levante, è Aokigahara, il Mare di Alberi.

Leggi anche: I paesi abbandonati dopo il sisma


Non pretendo di cavarmela bene col giapponese (o di cavarmela in generale, onestamente), ma perfino io ho sentito parlare di Aokigahara. Il bosco, che giace ai piedi del lato nordovest del monte Fuji, è una riserva naturale, trentacinque chilometri quadrati di rigogliosa vegetazione e silenzio assoluto. Ed è anche uno dei luoghi più tristemente famosi di tutto il Giappone.

Leggi anche: Bodie: città fantasma negli Stati Uniti


foresta dei suicidi

Il luogo è descritto da molti come uno dei posti più inquietanti del Giappone. La foresta è innaturalmente densa, il fogliame fatica a far passare la luce fino a terra, e gli alberi bloccano la maggior parte dei suoni. Alcuni lo hanno definito un “silenzio denso”, opprimente come una cappa di calore estivo, che abbraccia il sottobosco e le caverne millenarie nascoste tra la vegetazione.


È il secondo luogo al mondo per numero di suicidi.

foresta dei suicidi

Il Giappone ha da sempre un terribile rapporto con il suicidio. Una volta parte del loro bagaglio culturale (il famoso seppuku, o harakiri, o anche solo il fatto che è da loro che proviene la parola kamikaze), adesso riflette un problema sociale, causato da una cultura di isolamento che mette il lavoro e l’azienda davanti a qualunque altra cosa.

L'articolo prosegue subito dopo


E Aokigahara è la meta più ambita: le autorità locali organizzano spedizioni per recuperare corpi a intervalli regolari. Non per cercare corpi, ma per recuperarli. Con le decine, a volte centinaia di persone che si suicidano nella foresta dei corpi ogni anno, sanno già che troveranno qualcosa.

foresta dei corpi

 

1 / 5
1 / 5
  • Il cartello all'inizio del sentiero che conduce nella foresta. Il messaggio in giapponese esorta chi cammina a non procedere, e a pensare alla propria famiglia.
  • La vegetazione è molto fitta, e la foresta resta buia anche in pieno giorno.
  • Vista della foresta dall'alto delle montagne circostanti.
  • Alcuni dei visitatori lasciano bambole in ricordo di coloro che hanno perduto. O come maledizioni.
  • Ordinati fino all'ultimo, e, come si può vedere dalle scarpe, alcuni molto giovani.

Leggi anche

Singapore: clima e stagione ideale per andare
Viaggi

Singapore: clima e stagione ideale per andare

Isola e città-stato dell'Asia, Singapore deve il suo clima tropicale alla sua vicinanza all'Equatore. Due stagioni monsoniche, stagione per andare Singapore ha un clima che risente in tutto e per tutto della posizione. L'Equatore fa sì che sia molto umida tutto l'anno e le temperature siano molto elevate. Queste variano di poco di stagione in stagione e l'escursione termica tra il giorno e la notte è minima, ma non si scende mai sotto i 20°C. La temperatura minima oscilla tra i 23°-24°C  e la massima raggiunge i 30°-32°C. Aprile e maggio sono i mesi più caldi e i mesi tra Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*