Giovinco allontana la Juventus. Per ora - Notizie.it

Giovinco allontana la Juventus. Per ora

Calcio

Giovinco allontana la Juventus. Per ora

L’atteggiamento è quello di un figlio che, trascurato dalla mamma più affettuosa verso gli altri pargoli, fatica a farsi riconquistare dal genitore attraverso carezze e balocchi. Ma, inconsciamente, l’attaccamento resta eccome, e negarlo sarebbe inutile. Fuor di metafora Sebastian Giovinco ha chiuso ancora una volta la porta ad un suo possibile ritorno alla Juventus. Immediato. Perché in estate il rientro alla base appare quasi scontato. In mattinata era stato Claudio Pasqualin, socio dell’agente del giocatore, Andrea D’Amico, ad anticipare dalle pagine di Tuttosport che “il futuro di Sebastian si deciderà da febbraio in poi: si tratta di un giocatore importante e di sicuro Parma e Juventus non attenderanno l’estate”. Ma poche ore dopo il diretto interessato, dai microfoni della trasmissione Mediaset “La tribù del calcio” respinge nuovamente le avances bianconere: “La Juventus mi rivorrebbe già adesso? Una cosa è certa: io resto al Parma – ha dichiarato la Formica Atomica – Scelsi questa squadra perchè fin dall’inizio era stata quella più interessata a me“.

Parole che non contraddicono quelle di Pasqualin, e che di fatto svelano una non notizia: perché la Juve non stava certo pensando di forzare i tempi a gennaio bensì di riacquisire il 100% del cartellino del giocatore in estate come “suggerito” da Conte, grande estimatore di Giovinco.

Nel 4-3-3 attuale però per Seba sarebbe ancora difficile trovare spazio: improbabile pensare ad un adattamento come punta esterna, più plausibile pensare che il prossimo anno Giovinco diventi un’alternativa di lusso nella speranza che, col ritorno in Champions, ci sia spazio per tutti. D’altronde il Parma non ha mai pensato di disfarsi ora di un talentino sul quale è stata l’unica a crederci, soprattutto ora che la classifica piange. Il rapporto di Seba con la Juve è comunque sempre di odio e amore, come conferma lo stesso giocatore: “I tifosi sono stati gli unici a sostenermi sempre e ad opporsi alla mia cessione: per questo un anno fa (Juve-Parma 1-4, 6 gennaio 2011, doppietta di Giovinco, ndr) non esultai”. Infine spazio per un mea culpa: “Forse in bianconero non ho saputo sfruttare al meglio le opportunità che mi sono state date: giocare al fianco di campioni come Del Piero insegna sempre qualcosa.

Ma è andata così ed ho scelto un’altra strada”. Che però, alla fine, potrebbe riportarlo a casa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche