Giro d’Italia: Brescia incorona Re Nibali, ultimo sprint a Cavendish

News

Giro d’Italia: Brescia incorona Re Nibali, ultimo sprint a Cavendish

Quinto successo per l’inglese nel gran giorno del siciliano dell’Astana che vince il suo primo Giro d’Italia
Mark Cavendish si aggiudica allo sprint la 21.ma e ultima tappa del Giro, RiesePioX-Brscia, 197 km, per lui è l’ennesima volata in cui lo si vede tagliar il traguardo a braccia alzate con i suoi avversari dietro, impotenti d’innanzi al più forte sprinter del mondo. Battuti di giornata gli italiani Sacha Modolo ed Elia Viviani. Per il britannico si tratta del quinto successo che gli porta in dote anche la maglia rossa finale che lo sancisce vincitore della classifica a punti, tripla corona per il capitano dell’Omega che già si era imposto in questa speciale classifica alla Vuelta e al Tour de France.
L’uomo del giorno però non può essere che Vincenzo Nibali. Il corridore dell’Astana è il primo siciliano a vincere la corsa rosa; se pur non ci fossero dubbi già da un pezzo sulla sua vittoria per lo “squalo” l’emozione è palpabile all’arrivo sul traguardo e sul podio, podio completato dal colombiano Uran e dall’australiano Evas, le urla e gli striscioni per la maglia rosa tra il pubblico bresciano non si contano segno che l’Italia dopo tanti anni ha ritrovato un suo esponente tra i grandi delle corse a tappe.

Grande campione Nibali ma ancor prima grande uomo, mai una parola fuori posto durante le 3 settimane di corsa, mai un atteggiamento d’arroganza , solo garbatezza e serenità, d’altronde l’affetto enorme della gente per lui non si spiegherebbe solo con le prestazioni sulla strada.

Vincenzo Margiotta

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche