Giubileo, prevista no fly zone su Roma - Notizie.it

Giubileo, prevista no fly zone su Roma

News

Giubileo, prevista no fly zone su Roma

Head of Italy's civil protection agency Franco Gabrielli speaks as he attends a press conference on September 12, 2013 at the Civil Protection headquarters in Rome, Italy, ahead of the world's biggest-ever marine salvage operation. Salvage workers will attempt to raise Italy's Costa Concordia cruise ship on September 16, weather permitting, in an unprecedented $1.0-billion (752-million euro) operation, officials said. "If weather conditions allow, the operation will start at 6:00 am (0400) GMT on September 16... This is an operation that has never been attempted before," Franco Gabrielli, head of the civil protection agency which is overseeing the operation, said on September 12. AFP PHOTO / ALBERTO PIZZOLI (Photo credit should read ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Il clima europeo in tema di sicurezza non è certo dei migliori, con gli attentati di Parigi di una settimana fa, le operazioni compiute la notte scorsa a Bruxelles e il terrorista Salah Abdeslam ancora in fuga.

E’ in questa situazione che Roma si prepara al Giubileo, ed è con riferimento specifico a questa situazione che il prefetto Gabrielli sta studiando l’organizzazione generale per la gestione dell’evento. Nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Valentini (l’occasione era la presentazione del nuovo logo del Giubileo), il prefetto Franco Gabrielli ha dichiarato che, fra le misure di sicurezza che si adotteranno a Roma, ci sarà anche la creazione di una vasta no fly zone, ovvero di una porzione di cielo in cui il traffico aereo sarà del tutto vietato.

“Da un punto di vista degli aspetti amministrativi con le autorità deputate Enac ed Enav” ha spiegato il prefetto Gabrielli, “è stato ampliato l’ambito della cosiddetta ‘no fly zone’, cioè il cosiddetto Notam, cioè la comunicazione che viene fatta a tutti quelli che utilizzano lo spazio aereo che ci sono alcune zone della Capitale, praticamente la Capitale, che sono interdette al volo aereo per tutto il periodo del Giubileo.

Però voi capirete bene che questo ha un duplice effetto: di far sì che le persone per bene non affollino i cieli, ma ha assolutamente poca incidenza su chi ha una intenzione negativa”. L’interdizione al volo è conseguenza del fatto che “il Paese e Roma sono oggetto di minaccia”, “una minaccia per alcuni aspetti indefinita”, ma di fronte alla quale, ha sottolineato Gabrielli, “il messaggio ai cittadini è di continuare la vita”, lasciando alle autorità preposte la messa in atto di tutti i controlli e le misure necessarie per garantire la sicurezza della città.

Gabrielli ha voluto anche parlare del rapporto con le comunità islamiche, dalle quali si pretendono l’assunzione di “una netta posizione, senza se e senza ma” e di “un atteggiamento di collaborazione”. Un messaggio dal significato molto chiaro: Roma vuole comprendere tutte le comunità islamiche e si aspetta che queste ultime vogliano far parte della Capitale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche