Giudice condanna nove imputati a 77 anni di pena COMMENTA  

Giudice condanna nove imputati a 77 anni di pena COMMENTA  

Un giudice oggi ha condannato nove uomini accusati di aver violentato ragazze bianche di età inferiore ai 13 anni per un totale di 77 anni.


Gli uomini, tutti tranne uno originario del Pakistan, sono stati condannati alla Liverpool Crown Court dopo che erano stati condannati per aver attirato fino a 47 ragazze con bevande, farmaci, fast food e viaggi in taxi gratis.

Una ragazza è stata sottoposta a una prova terribile quando è stata violentata da 20 uomini in una sola notte.
Il giudice Gerald Clifton ha detto: ‘Voi tutti trattate le vittime come se fossero senza valore e oltre il rispetto.

‘Uno dei fattori che portano a ciò è il fatto che non fanno parte della vostra comunità o religione.

‘Alcuni di voi, al momento dell’arresto, ha detto che è stata innescata una gara. Questa è una sciocchezza. Cosa ha provocato questa accusa è stata la lussuria e l’avidità. ‘
L’udienza si è svolta tra rigide misure di sicurezza con protezione della polizia in piedi in aula e fuori dall’edificio nel timore di una grande manifestazione o interruzione da parte di gruppi di estrema destra.

L'articolo prosegue subito dopo

Il capobanda, un 59 enne che non può essere nominati per ragioni legali, è stato imprigionato per un totale di 19 anni per cospirazione, due imputazioni di stupro, favoreggiamento a uno stupro, violenza sessuale e sfruttamento sessuale.

‘Hanno strappato via tutta la mia dignità, hanno abusato così tanto, non ho avuto nessuna emozione’: Nelle sue stesse parole strazianti, la ragazza che ha sofferto di più per mano di questa gang.

Simon Nichol in precedenza ha detto che il suo cliente non ha voluto partecipare all’udienza di condanna e aveva ordinato all’avvocato di non mettere alcuna mitigazione davanti al giudice per suo conto.
Il signor Nichol ha detto: ‘Hanno obiettato fin dall’inizio di essere giudicati da una giuria tutta bianca e gli eventi successivi hanno confermato i timori.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*