Glasswire: come controllare il traffico dati

Android

Glasswire: come controllare il traffico dati

Come potete tenere sempre sott'occhio il vostro traffico dati senza finire mai i Giga e tenendo al sicuro la vostra privacy? Ci pensa Glasswire.

Negli ultimi anni abbiamo vissuto cambiamenti che hanno totalmente stravolto la nostra vecchia maniera di vivere. Negli anni la nostra vita si è semplificata molto grazie alle nuove tecnologie e alle app apportateci dagli smartphone. Tuttavia questo ci ha portato quello che gli economisti chiamerebbero bisogni. Adesso abbiamo bisogno dello smartphone dappertutto. Facciamo attività fisica col telefono, studiamo col telefono e prepariamo la nostra lista di cose da fare sul telefono. Tuttavia questo ci ha portato due nuovi problemi. Come facciamo a tenere in vita il nostro telefono e come facciamo ad assicurarci di avere sempre abbastanza traffico dati da poterci destreggiare in ogni attività che facciamo? Per la batteria possiamo sempre portarci dietro una batteria portatile o un caricabatterie portatile. E il traffico dati? A questo ci pensa Glasswire adesso.

Glasswire: cos’è

Glasswire è un’applicazione ideata da SecureMix LLC ed ideata per Android, il cui scopo è aiutarci a monitorare il nostro consumo di dati attivo e passivo.

Per consumo di dati attivo intendo tutto ciò che noi facciamo sul telefono, guardare un video, leggere, ascoltare musica e cose di questo genere. Il consumo di dati passivo è dovuto invece a quelle app che lavorano in background o che non vengono chiuse e magari continuano a occupare ram, consumare batterie e traffico dati. Glasswire vi fornirà un monitoraggio del nostro consumo, ci farà vedere un report di quelli che sono le vostre attività e infine vi darà qualche consiglio utile al riguardo. Il tutto ci viene fornito gratuitamente. I surfisti del web ringraziano.

Avere a disposizione questo servizio è decisamente facile. L’unica cosa che dovete fare è andare nel Playstore, cercare il nome dell’app e avviare il download.

Come funziona

Una volta avviata l’app non sarà difficile comprenderne il funzionamento. Il tutto è molto facile. Un piccolo consiglio però: imparate i termini inglesi basilari. L’app infatti non è disponibile in italiano.

Nel grafico potrete vedere i picchi di consumo minuto per minuto, mentre al disotto potete vedere la lista delle app che contribuiscono all’assottigliarsi dei vostri Giga. Vedrete due colori differenti nei due grafici. Uno indica i dati che sono stati consumati in uscita e l’altro i dati consumati in entrata. Un’altra utilissima funzione è quella di inserire un tetto ai propri consumi. Il limite può essere aggiornato con diversi intervalli di tempo. Si può inserire un limite giornaliero, settimanale o mensile.

La privacy e Glasswire

Alcuni però si potrebbero dire preoccupati. Infatti Glasswire non è la prima a fornire questo tipo di servizio. Tuttavia molte delle attuali concorrenti sono state accusate, e a ragione, di vendere i dati personali raccolte con le proprie app. Decisamente una ghiotta occasione. Chi avrebbe potuto rinunciare alla possibilità di fare tanti soldi? I programmatori di Glasswire hanno però garantito che nessuno vedrà mai i propri dati venduti e che anzi nessuno delle informazione dell’utente verrà monitorata.

Solo il consumo dei dati.

Per quanto ne sappiamo, l’unica fonte di introiti dei programmatori è la versione premium dell’app, come è stato rivelato da loro stessi. Sicuramente gli italiani, campioni del risparmio, saranno grati di questo regalo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

video ASMR
Web

Cosa sono i video ASMR

25 settembre 2017 di Notizie

Sempre più popolari in rete, i video ASMR promettono di far acquisire serenità senza sforzo e grazie solo al loro metodo detto “orgasmo del cervello”. Cerchiamo di capire meglio di cosa si tratta e cosa ne pensa la scienza.