Gli abiti di “Orgoglio e Pregiudizio” COMMENTA  

Gli abiti di “Orgoglio e Pregiudizio” COMMENTA  

Il romanzo classico di Jane Austen, “Orgoglio e Pregiudizio”, è stato adattato per lo schermo diverse volte, sia in film che miniserie.  L’accuratezza storica degli abiti varia da produzione a produzione, molte delle quali si svolgono in epoche leggermente diverse dal romanzo.

 

Film del 1940

La versione cinematografica del 1940, con Laurence Olivier e Greer Garson, riutilizzò gli abiti di “Via col Vento” del 1939. Di conseguenza, gli abiti erano composti da crinoline e corsetti, nello stile in cui era ambientato il film. Anacronisticamente, l’epoca venne spostata decenni più tardi rispetto al romanzo di Jane Austen.


Miniserie del 1980

Anche la miniserie della BBC del 1980 riutilizzò molti abiti di altre produzioni, ma l’accuratezza storica è maggiore di quella del film del 1940. Piuttosto che usare abiti dei drammi della Guerra Civile, molti abiti provengono dalla miniserie del 1972 “Emma”, basata sempre su un romanzo di Jane Austen.


Miniserie del 1995

Gli abiti della miniserie della BBC del 1995, con Colin Firth e Jennifer Ehle, rispecchiano l’epoca del 1813, l’anno della pubblicazione del romanzo. Questa epoca è nota per i giro vita alti nell’abbigliamento per donne e calzoncini alla zuava con stivali alti per uomini.


Film del 2005

Anche il film del 2005 presenta un’accuratezza storica, sebbene gli abiti risalgano intenzionalmente ad un’ epoca precedente a tutti gli altri adattamenti, cioè al 1790, l’anno in cui Jane Austen scrisse la prima bozza di “Orgoglio e Pregiudizio”, intitolata “Prime Impressioni”. Le donne più anziane indossano abiti ancor più datati, mentre Caroline Bingly, un personaggio di Londra, sfoggia nuove mode che si diffusero solo in un secondo momento.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*