Gli effetti indesiderati dell’olio di ribes nero COMMENTA  

Gli effetti indesiderati dell’olio di ribes nero COMMENTA  

Originario dell’Europa e di parte dell’Asia, alcuni erboristi ritengono che il ribes nero aumenti la produzione di urina e favorisca la sudorazione. L’estratto di ribes nero è prodotto facendo bollire il succo di ribes nero in una mistura di zucchero. La corteccia di ribes nero è raffinata in una mistura per il trattamento del gonfiore e delle emorroidi.


Effetti indesiderati del ribes nero

Avvertenze

L’olio di semi di ribes nero non è consigliato ai bambini e ragazzi sotto i 18 anni. Evitate di prendere il ribes nero se avete un’ipersensibilità o un’allergia ad esso. Usare l’olio di ribes nero in capsule può dare disordini gastrointestinali o diarrea. L’acido gamma-linoleico che si trova nell’olio di ribes nero a volte altera la pressione sanguigna, quindi non va usato se si hanno problemi di pressione. Il ribes nero a volte aumenta gli effetti degli anticoagulanti.


Effetti indesiderati

La sicurezza a lungo termine dell’assunzione dell’olio di semi di ribes nero non è stata dimostrata. Secondo alcune ricerche, le persone con ritenzione idrica causata da problemi renali o cardiaci dovrebbero evitare le preparazioni a base di ribes nero.


Interazioni con i farmaci

I farmaci anti-ulcera e gli antibiotici possono interagire con l’olio di ribes nero a causa della sua attività antibatterica.

L'articolo prosegue subito dopo

A volte si hanno effetti antiossidanti nell’olio di ribes nero, quindi è bene evitare l’assunzione di altri antiossidanti. Il ribes nero possiede anche proprietà antivirali e a volte interagisce con altri agenti di questo tipo. Consultate il vostro medico prima di iniziare ad assumere l’olio di ribes nero.

Leggi anche

Linkedin: cos'è Lynda
Guide

LinkedIn: come si può chattare

Tutta la procedura per scoprire il lato "frivolo" di LinkedIn e chattare liberamente con i propri contatti. Abbiamo già parlato di LinkedIn in precedenza: in particolare, vi avevamo illustrato cinque buone ragioni per iscriversi a Leggi tutto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*