Gli esami da effettuare per prevenire i tumori della donna

Guide

Gli esami da effettuare per prevenire i tumori della donna

Indipendentemente da eventuali campanelli da allarme (che ovviamente non devono essere trascurati), ci sono degli screening periodici da effettuare per prevenire alcune forme di tumore che potrebbero colpire le donne.

Per la prevenzione del tumore al seno, è consigliabile eseguire l’autoesame mensile a partire dai 20 anni, a cui associare poi la visita senologica (dal ginecologo o dal senologo) annuale, soprattutto dopo i 40 anni, affiancata da un’eventuale ecografia, nelle donne giovani, se ritenuta necessaria dallo specialista, e da una mammografia dopo i 45 anni (secondo il piano nazionale di prevenzione del Ministero, annuale tra i 45 e i 49 anni, e ogni due anni dopo i 50 anni, in assenza di fattori di rischio).

Per la prevenzione dei tumori ginecologici, è utile una visita annuale dallo specialista, a cui associare il Pap-test ogni due-tre anni a partire dall’inizio della vita sessuale e, comunque, dai 25 anni in poi. Sarà il ginecologo a valutare l’eventuale necessità di ecografie pelviche, addominali e trans vaginali, così come l’utilità dell’Hpv test (specifico per il virus Hpv) in associazione al Pap-test.

Per maggiori informazioni sulla prevenzione dei tumori, si può consultare anche il sito dell’Associazione per la ricerca sul cancro, vedi sito www.airc.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*