Gli zingari non hanno rapito la bambina di Dublino COMMENTA  

Gli zingari non hanno rapito la bambina di Dublino COMMENTA  

E’ ufficiale, la bambina di Dublino  non è stata rapita dagli zingari. Riferisce la BBC che dopo il test del dna, è apparso chiaro che i genitori biologici fossero i due rom che in Irlanda si erano visti sottrarre a questo punto la propria figlioletta. C’è un sottile confine che divide la verità dal pregiudizio e stavolta è stato oltrepassato in maniera grossolana e barbarica arrogando l’idea che fosse come vuole la normale prassi del rapimento perpetrato dagli zingari. Cioé, ti faccio sparire il bambino in un lampo, mi nascondo, lo raso, gli cambio i vestiti e diventa il figlio di qualcun altro.

Leggi anche: Prova a rapire una bimba in spiaggia nel Ragusano, arrestato


Ancora invece non si sa niente sulle sorti dei rom che non sono stati trovati come genitori biologici della bambina bionda che virale sta raccontando la sua storia dalla Grecia.

Leggi anche: Nichelino, rapisce il figlio minacciando moglie e suoceri


 

Leggi anche

attentato-terroristico-istanbul
Esteri

Attentato terroristico a Istanbul: autobomba vicino allo stadio, 13 morti

Ore di terrore a Istanbul per un attentato terroristico avvenuto vicino allo stadio della squadra di calcio Besiktas. Un'esplosione devastante, visibile a chilometri di distanza, quella provocata da un'autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, che ha ucciso almeno 13 persone, ferendone a decine; si tratta di un bilancio ancora provvisorio che potrebbe peggiorare nelle prossime ore. Tutto è accaduto dopo la conclusione del match della massima divisione turca tra il Besiktas e il Bursarpor. Mentre i giornalisti erano impegnati nei commenti e nelle interviste del dopo partita si è sentita una fortissima esplosione, catturata anche in diretta tv. Leggi tutto
About Andrea Paolucci 2643 Articoli
Andrea Paolucci è l'autore di WUH! - Gorilla Sapiens Edizioni http://www.gorillasapiensedizioni.com/libri/wuh
Contact:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*