Gravity Rush 2: recensione , trucchi, prezzi, console

Videogiochi

Gravity Rush 2: recensione , trucchi, prezzi, console

Gravity Rush 2, conosciuto in Giappone col titolo Gravity Daze 2, è un videogioco d’azione. Vediamone insieme le recensioni, il prezzo e i trucchi.

Gravity Rush 2 è stato sviluppato da Project Siren guidato da Keiichiro Toyama e pubblicato da Sony il 19 gennaio di quest’anno in Giappone e nei giorni successivi nel resto del mondo.

E’ un gioco basato sul fatto di sapere gestire la gravità e riprende esattamente da dove era rimasto il suo predecessore. Prosegue la ricostruzione della città di Hekseville dopo l’incidente provocato dall’ex sindaco D’Nelica. L’investigatrice della gravità Kat apre le indagini dopo alcune anomalie delle onde gravitazionali e viene sbattuta insieme ai suoi collaboratori nel villaggio di Banga. Kat non ha alcun potere di manipolare la gravità perché si è separata da Dusty, il gatto che le donava i poteri; è costretta a lavorare nelle miniere. Un giorno, mentre lavorava con Syd, un agente di polizia, appare un nuovo tipo di Nevi, mai visto prima di allora.

Come sbloccare i livelli e altri trucchi

Da segnalare il modo per ottenere velocemente i talismani.

Basta andare da Misai, alla barca mineraria di Banga e parlare con lei. In questo modo, sbloccheremo alcune missioni per rompere le pietre e ottenere vari minerali. Alcune saranno speciali e si potranno trasformare in Talismani. Oppure basta affrontare in modalità online alcune sfide presenti sulla mappa. Sul Web si possono trovare anche dei video interessanti per sconfiggere tutti i boss presenti nel gioco.

Prezzi e recensione

Gravity Rush 2 costa a prezzo pieno 71,99 Euro ma sul Web, in particolare nei più importanti store online, si trova a 57 Euro, scontato del 20%. Non male direi!

Passiamo alla recensione. Diciamo subito che si tratta di un titolo molto atteso dai fan che hanno aspettato più di quattro anni dal precedente episodio, che aveva colpito sia per i personaggi presenti che per la qualità e la cura del prodotto. E’ un seguito con tantissimi contenuti, pronto a mettere in risalto e migliorare ciò che di buono era presente nel primo capitolo, anche se non riesce completamente a discostarsi da questo, non porta grandissime novità e soprattutto non va a migliorare sostanzialmente i punti deboli dell’episodio precedente.

Kat si trova dover lottare per emergere di nuovo in un mondo molto più grane del passato; per riprendere il discorso fatto prima, Gravity Rush 2 si sviluppa seguendo lo schema del primo episodio, dove ci sono in modo alternato scene di gameplay e e momenti narrativi caratterizzati da fumetti interattivi.

Senza anticipare troppe cose, possiamo dire che, durante i venticinque capitoli del gioco, i giocatori troveranno numerose risposte ai quesiti rimasti in sospeso 4 anni prima, grazie anche alla narrazione dell’inizio e della fine di una nuova avventura, con un finale ad effetto anche se poco originale. La navigazione degli ambienti resta molto fedele al primo capitolo ma la gestione delle cadute a mezz’aria e dei poteri di Kat è notevolmente migliorata. Il famoso campo di stasi, cioè la bolla gravitazionale che permette a Kat di interagire con oggetti e personaggi, è stato migliorato notevolmente; dunque sarà più invitante affidarsi a lui sia come arma che come difesa.

Restando in tema di gameplay, potremo servirci di alcune reliquie, utili per cambiare stile di gravità: potremo usare la Gravità Lunare, per essere veloci. Ma anche la Gravità Gioviana, per acquistare forza. I poteri a disposizione si rifaranno a un sistema di crescita basato sulla raccolta dei cristalli viola, elemento ripreso col “copia e incolla” dal primo episodio.

Ci saremmo aspettati qualche novità in merito. Per fortuna, grazie all’equipaggiamento dei talismani, la customizzazione è presente lo stesso, grazie ai quali potremo variare lo stile di gioco. Tra un combattimento e l’altro, potremo dedicarci alla raccolta di cristalli e talismani, attività davvero redditizia soprattutto per sconfiggere i Nevi speciali. Questi sono elementi che sono stati curati dal team di sviluppo e che vanno ad arricchire la longevità del gioco, che si affianca alla perfezione alla missione principale; dunque focus sulla navigazione degli ambienti, da portare a termine in tutta libertà, nonostante ci siano obiettivi precisi da raggiungere.

Oltre alle missioni di salvataggio canoniche e alla lotta contro i Nevi, sono presenti modalità davvero interessanti e innovative, come i servizi fotografici per analizzare da lontano i nemici. Quelle secondarie sono ben curate: per esempio possiamo fare lo stunt-woman oppure fare una maratona contro un gabbiano. Tutto questo contribuisce a rendere l’avventura decisamente più longeva del primo episodio, anche se il titolo resta troppo aderente al capostipite soprattutto per quanto riguarda la giocabilità, senza introdurre vere e propri elementi innovativi degni di nota.

Il ritmo non è sempre calzante e la qualità delle attività secondarie non è sempre all’altezza, elementi che limitano in parte l’ambizione di essere un gran titolo.

Passando al comparto tecnico si dimenticano subito gli elementi negativi: davvero bene fatto e paragonabile ai suoi rivali con un successo commerciale maggiore. Jirga Pala Laho appare affascinante e richiama a sé l’America del Sud e il Giappone moderno, con panorami da togliere il fiato. I poligono sono ben implementati, accompagnati dal un ottimo effetto cel shading, marchio di fabbrica che ritorna anche in questo episodio. Il motore fisico è notevole, grazie al quale le scene di distruzione appaiono davvero realistiche, accompagnato da una luce che risalta a pieno gli scenari di gioco. Il comparto sonoro non è da meno, anzi è più che buono, grazie alla presenza di Kohei Tanaka, compositore giapponese che alterna sonorità rock, jazz e ambiente alla perfezione, donando un’atmosfera fantastica di cui il titolo aveva bisogno.

Per concludere Gravity Rush 2 è molto più articolato e variegato del precedente capitolo, ma la sostanza è la stessa: gli amanti della saga avranno di sicuro apprezzato e non poco questo episodio.

Il discorso purtroppo vale anche per i difetti che sono rimasti gli stessi, dove alcune problematiche di natura tecnica e strutturale permangono, nonostante le varie migliorie apportate. Nonostante tutto resta un titolo più che valido e il voto globale supera l’ 8 senza alcun dubbio.

Comprare il gioco online

Lo consiglio vivamente se volete risparmiare un po’ di soldi. La cosa importante è rivolgersi ai siti di shopping online tra i più famosi.

Usato o nuovo?

Consiglio di prenderlo nuovo perché almeno in rete non c’è tutta questa differenza di prezzo tra le due opzioni, a meno che non conosciate personalmente il venditore.

Quali console supporta

Il gioco è disponibile in esclusiva per PlayStation 4

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche