Grazia Capone: Berlusconi mi voleva come fidanzata COMMENTA  

Grazia Capone: Berlusconi mi voleva come fidanzata COMMENTA  

“Sento ancora Berlusconi, è una persona alla quale voglio bene”. Lo ha detto Grazia Capone, nota alle cronache come ‘l’Angelina Jolie di Bari per la somiglianza con l’attrice americana, tanto da esibire un look simile alla moglie di Brad Pitt, testimone nel processo sulle escort portate da Gianpaolo Tarantini nelle abitazioni private di Silvio Berlusconi.

”Finalmente ho avuto l’opportunità di spiegare la mia verità davanti a un magistrato” ha detto la ventinovenne ai cronisti dopo un’ora e mezza di deposizione in cui ha “raccontato la mia verità puntuale, determinata e precisa”.

”Berlusconi mi propose di diventare la sua fidanzata ma io rifiutai” avrebbe detto in aula la Capone, secondo cui il Cavaliere le propose di fare la giornalista oppure politica.

La 29enne non si sentì all’altezza di fare politica e scelse di fare la giornalista.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*