Grecia: minuto per minuto

Roma

Grecia: minuto per minuto

Ieri notte in grecia è stato approvato a larga maggioranza dai tre partiti, il bilancio 2013, approvando il testo presentato dal Governo con167 voti a favore, 128 contrari e 4 astensioni. Mercoledì era stato approvato il piano risparmi per 13.500 milioni di euro, grazie al quale il governo di Samaras è riuscito a portare avanti il bilancio dello Stato 2013.Assente eccellente al dibattito Evangelos MEIMARAKIs

Come sappiamo si tratta di un obiettivo che coincide con i dettami della troika, ovvero Commissione europea, Bce e Fondo Monetario.

Il leader greco, riferendosi a Bruxelles, ha dichiarato prima del voto: “Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, è giunto il momento che i nostri partner fanno quello che devono”e a conti fatti, adesso non si parla altro che della nuova tranche di aiuti internazionali per 31.500 milioni di euro, che dovrebbe consentire al paese di salvarsi dal default

“Pare tuttavia che la Grecia non possa ancora tirare un sospiro di sollievo, infatti il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Scheuble, ha chiarito che gli aiuti potrebbero essere rimandati .

La troika come prima cosa ha disposto un taglio sostanziale dei conti pubblici , che nel 2013 sarà di circa 9,5 miliardi di euro: a pagarne le conseguenze saranno pensionati e classi medie che in aggiunta si vedranno sommerse da nuove tasse, e nonostante Samaras cerchi di rassicurare l’opinione pubblica ad Atene è il caos, complice anche “‘affondo” dell’opposizione:Syriza infatti durante un dibattito ha accusato il governo star facendo affondare la Grecia.

Intranto ieri piazza Syntagma si è riempita di manifestanti chiamati dai principali sindacati del paese e dei partiti di sinistra dell’opposizione per protestare contro i tagli.

“Abbasso il governo, al di fuori del troika”, “Fmi, vaffanculo” (riferendosi al Fondo Monetario Internazionale), “Non andate se non gettare”, erano alcuni degli striscioni dei manifestanti. “

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche