Greenpeace si mobilita contro il nucleare in Francia

Nucleare

Greenpeace si mobilita contro il nucleare in Francia

“Rischio nucleare, non vedono nulla, non sentono nulla”

Questo è lo slogan che vedrete in questi giorni se passerete in qualche piazza di una qualsiasi città francese.

Karine Gavand, portavoce di Greenpeace, assieme ad altre decine di persone con addosso maschere di Nicolas Sarkozy e François Hollande, sono scese in piazza ed il loro obiettivo è far ammettere ai due candidati presidenziali che c’è il rischio di un incidente nucleare anche in Francia, auspicando una chiusura degli impianti più in pericolo e di cambiare metodo per la produzione di energia, anche se questo risultare difficile visto che, oltre agli ovvi interessi economici, la Francia, con le sue 58 centrali nucleari, è il paese più dipendente al mondo da questa fonte energetica.

Chiunque vinca le elezioni, dovrà fare i conti con un crescente spirito anti-nucleare post-Fukushima.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Matteo Salvatori 49 Articoli
Nato il 07/05/1991 a Bologna, grande lettore ed appassionato di storia antica e moderna.