Grexit: niente accordo, nessun compromesso COMMENTA  

Grexit: niente accordo, nessun compromesso COMMENTA  

Le trattative di questo fine settimana fra la Grecia e i creditori non hanno portato nessun risultato.

L’accordo ‘dal punto di vista tecnico’ auspicato dal presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker non è stato trovato e, anzi, le parti restano distanti, forse in un modo che, così aperto, non è finora mai stato. L’unico a conservare una certa dose di ottimismo è proprio Juncker, secondo cui “un’intesa entro fine mese resta possibile”.

Per il resto, iniziano a circolare affermazioni perentorie, a cominciare dal governo greco, che ribadisce di volere e potere accettare solo “richieste sostenibili”, giudicando “irrazionali” quelle avanzate dai creditori. No secco al taglio delle pensioni o dei salari, no ad aumenti sulle forniture energetiche essenziali.

Leggi anche: 3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia


Il commento dell’Europa è affidato alle asciutte parole della portavoce Annika Breidthardt: “sebbene qualche progresso sia stato fatto, il negoziato non è riuscito, poiché resta una significativa distanza tra i piani delle autorità greche e le richieste di Commissione, Bce e Fmi”.

Ma il clima vero, fra gli interlocutori della Grecia, è forse meglio descritto dalle parole di Sigmar Gabriel, uomo di punta del governo tedesco che, fino a questo momento, aveva mantenuto un atteggiamento molto morbido nei confronti di Atene: “la Germania non si farà ricattare, vogliamo aiutare la Grecia a rimanere nella zona euro, ma non è solo il tempo che comincia a mancare, tutta l’Europa sta perdendo la pazienza”.

Al di là dei cavalli di battaglia anche politici, come pensioni e stipendi, sembra che le parti siano distanti soprattutto sugli obiettivi di avanzo primario, dove l’Europa propone l’1% del Pil nel 2015, il 2% nel 2016 e il 3% nel 2017, mentre Atene sarebbe disposta ad arrivare allo 0,75% nel 2015 e all’1,75% il prossimo anno.

Leggi anche: Uomo armato prende 7 persone in ostaggio, paura a Parigi


Ora l’appuntamento si sposta al 18 giugno prossimo, in occasione degli incontri dell’Eurogruppo.

Leggi anche

messaggio_ricevuto
News

3 Dicembre 1992: 23 anni fa il primo sms della storia

Oggi si celebra il 23° “compleanno” degli sms. Infatti 23 anni fa, il 3 Dicembre 1992, veniva inviato il 1° messaggio della storia: “Merry Chrismas”, un auguro per il Natale ormai non troppo lontano. Lo spediva ad un collega un ingegnere inglese di nome Neil Papworth, che lavorava alla Vodafone. Ma non era ancora possibile inviarlo da un telefonino all’altro, così Papworth dovette usare il proprio personal computer. Si dovette attendere ancora un anno per fare altrimenti: lo fece un ragazzo finlandese, Riku Pihkonen, che era impegnato in uno stage alla Nokia. Il successo mondiale degli sms, in particolare tra gli adolescenti, si ebbe Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*