Grexit: ultimatum FMI. Principi UE traditi, secondo Tsipras. Ora referendum COMMENTA  

Grexit: ultimatum FMI. Principi UE traditi, secondo Tsipras. Ora referendum COMMENTA  

Oggi è il giorno decisivo, quello dell’Eurogruppo dal quale dovrebbe uscire la soluzione al dilemma Grexit.

Il giorno in cui il popolo greco e quello europeo sapranno se il loro destino sarà di stare ancora assieme oppure no, il giorno delle risposte. Dovrebbe essere così, ma le premesse, legate ai fatti delle ultime ore, fanno pensare che così non sarà, invece, perché da Atene sono arrivate risposte per nulla incoraggianti.


La situazione è che ormai non c’è più spazio né per i bluff, né per i teatrini: Atene è nelle mani del Fondo Monetario Internazionale, quindi la partita si gioca in due, con l’Unione Europea che resta ad aspettare, relegata al ruolo di chi cerca di favorire la chiusura del negoziato, ma, in questo negoziato, nella sostanza, non ha alcun vero potere.


La proposta, calate le maschere, sarebbe quella di prolungare il programma di aiuti ad Atene di altri cinque mesi da oggi, arrivando a circa 16 miliardi di finanziamenti suddivisi in quattro rate, erogate solo se il parlamento greco approverà le riforme concordate con (o volute dai) i creditori. Ultimatum: o Atene accetta, oppure la proposta scade martedì e gli aiuti non sono più disponibili. Punto e basta.


La risposta di Tsipras non si è fatta attendere: “I principi fondanti dell’Unione europea sono democrazia, eguaglianza, solidarietà e mutuo rispetto. Non si basano invece sul ricatto e gli ultimatum. Nessuno ha il diritto di mettere in pericolo questi principi”.

L'articolo prosegue subito dopo


Il leader greco si spinge ancora oltre, annunciando un referendum per il prossimo 5 luglio: sarà il popolo greco a decidere cosa fare. Con una mossa, risponde alla forza dei creditori con quella che ha a disposizione (un popolo) e sfora rispetto alle date impostegli.

FMI e Grecia mai lontani come in questo momento, proprio nel giorno dell’Eurogruppo che tutti (il FMI per primo, a questo punto) considerano come decisivo.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*