Grillo: consultazione online per i 5S su reato di clandestinità COMMENTA  

Grillo: consultazione online per i 5S su reato di clandestinità COMMENTA  

22

Un ‘referendum’ online per decidere del reato di clandestinità. E’ la nuova trovata di Beppe Grillo che sul suo blog ha pubblicato una consultazione online chiedendo agli iscritti al movimento, certificati al 30 giugno 2013, il loro parere ‘vincolante’ in merito al voto che il gruppo parlamentare del Senato dovrà esprimere sul reato di clandestinità. Un sistema di votazione che, spiega il comico genovese, sarà attivo fino alle ore 17 e i risultati saranno comunicati sempre sul blog dalle 18. La notizia ha fatto in poche ore il giro del web suscitando non poco scalpore, proprio perchè il risultato determinerà il voto dei senatori sull’abrogazione del reato.


Il ‘fedelissimo’ di Grillo, il neo capogruppo Maurizio Santangelo ha a tal proposito dichiarato: “per la prima volta in questo paese dei cittadini nelle istituzioni chiedono ad altri cittadini di diventare legislatori, di partecipare attivamente ad un processo democratico.

Questo è il nostro concetto di democrazia diretta. Ora tocca a voi. Buon voto.”

Ma c’è anche chi, all’interno dei 5 Stelle, si dice contrario: come il senatore Francesco Campanella che, su Facebook ha dichiarato polemicamente: “la vicenda è stata gestita dal blog in modo discutibile.

Non è cosi che va gestita la democrazia diretta. La vita delle persone non è un videogioco nè una battuta da condividere sui social media. Il blog gestito così diventa un’arma nelle mani di qualcuno che si è convinto di poter gestire più di 150 parlamentari con strategia di organizzazione di rete aziendale”. Della medesima opinione anche il senatore 5 stelle Lorenzo Battista che ha aggiunto: “Penso sia giunto il momento di dire BASTA a questa gestione del blog/portale/sistema operativo (chiamatelo come vi piace), invito caldamente l’autore di questo ennesimo condizionamento esterno a rivedere insieme al gruppo parlamentare il modus operandi o lasciare a una rappresentanza più democratica e partecipativa la gestione dello strumento informatico/informativo del M5S”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*