Gucci crea il bianco inverno COMMENTA  

Gucci crea il bianco inverno COMMENTA  


Alcune volte e’ il lavoro faticoso dell’industria della moda che mi porta a sentirmi in questo modo, ma sono malata degli abiti invernali. Noi stiamo guardando alle scarpe, alle borse e ai vestiti che hanno debuttato in quest’ambito alla Fashion Weeks di 10 mesi fa, e anche se comincia a palesarsi nei negozi, e’ ancora inverno fuori e nei negozi. Sinceramente, e’ quello che ho fatto.

Leggi anche: Il sexy video di Belen e Cecilia per la nuova collezione di borse

Il tempo freddo puo’ portare a grandi quantita’ di accessori, ma significa colori piu’ oscuri, piu’ neutrali e meno divertimento. Cosa c’e’ di meglio per curare quella noia con qualcosa che e’ ancora appropriato da portare con noi? L’inverno bianco, cari.

Bianco inverno. Posso suggerire La Gucci Soho Medium Boston Bag?
C’e’ una leggera differenza tra questa borsa di Gucci e quella che noi tutti amiamo, e penso sia un’alternativa meritevole.

I dettagli sono piu’ semplici, le linee piu’ chiare, in complesso sembra un po’ piu’ moderna ( ed e’ di fascia piu’ alta). Il colore avorio bianco si adatta molto bene ai colori scuri dell’inverno, ma sembra una sorta di speranza che un giorno, nei prossimi mesi, noi saremo in grado di indossare il bianco con trasporto.

L'articolo prosegue subito dopo

Lo sai di non essere incline alle cadute. Acquistabile tramite Neiman Marcus al prezzo di 1395 dolalri.

Leggi anche

air-visual-earth
Ambiente

Air Visual Earth: ecco la mappa mondiale dell’inquinamento

E' online la prima mappa mondiale dell'inquinamento dell'aria, si chiama Air Visual Earth. A crearla un team internazionale di ricercatori. Si chiama Air Visual Earth ed è la prima mappa mondiale che mostra la qualità dell’aria del nostro pianeta. Per la prima volta, una rappresentazione di questo genere è stata resa disponibile online. Air Visual Earth mostra in tempo reale la situazione dell’inquinamento sulla superficie della Terra. E’ stata predisposta da un gruppo di ricercatori di vari Paesi, che hanno lavorato sotto il coordinamento di Yann Boquillod, mettendo assieme i dati rilevati dai satelliti e da circa 8 mila stazioni Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*