Guida ai 10 passi della pulizia del viso in stile coreano COMMENTA  

Guida ai 10 passi della pulizia del viso in stile coreano COMMENTA  

Guida ai 10 passi della pulizia del viso in stile coreano
Guida ai 10 passi della pulizia del viso in stile coreano

Amate prendervi cura del vostro viso? Maschere, tonici e pulizia del viso, quello che vi serve sapere per apparire al top grazie ai consigli made in Korea.

Per anni, ho pensato di essere una fanatica dalla cura della pelle. Poi, quando le tendenze di bellezza coreane e il loro famoso regime di cura della pelle in 10 passi iniziarono a guadagnare popolarità in tutto il mondo, mi sentii come se non fossi poi così ossessionata come credevo.

Leggi anche: Brufolo sottopelle: rimedi semplici e veloci


Anche se il mio piano di lavoro è pieno di un numero imbarazzante di prodotti di bellezza, quando guardai le foto di donne coreane su Internet, la loro pelle sembrava molto più liscia e perfetta della mia. Così, decisi di capire come mai i prodotti coreani e il regime di 10 passi fornissero tali risultati.

Leggi anche: Come lavare la faccia al mattino


Un libro che si è rivelato veramente utile per saperne di più sullo skin care coreano è stato “The Little Book of Skincare: Korean Beauty Secrets for Healthy, Glowing Skin” by Charlotte Cho. Come bimba coreana di seconda generazione nata e cresciuta negli Stati Uniti, che si trasferì in Corea da adulta, Cho ebbe la possibilità di confrontare il modo in cui i coreani curano la loro pelle a quello occidentale.


Risultato: la cura per la pelle fa parte dello stile di vita coreano, indipendentemente dall’età e dal sesso. Ai bambini si insegna a proteggere la pelle dai raggi del sole sin da piccoli. A casa mia, non ricordo di aver visto una confezione di crema solare a casa mia prima dell’adolescenza!

Loro sono abituati ad esfoliare la pelle per illuminare le carnagione, e a non uscire di casa senza una buona crema idratante da poter riapplicare in modo che la pelle rimanga fresca e pulita per tutto il giorno. Si ritiene che una buona cura della pelle sia la chiave per mantenerla sana e invecchiare bene.

L'articolo prosegue subito dopo


Come se le foto di una bella pelle non fossero abbastanza per convincermi a provare tutto il regime coreano di skin care, recentemente incontrai una donna coreana con la pelle perfetta, quasi senza pori, così decisi di dare una chance a questi 10 step, nella speranza di svegliarmi un giorno con la pelle perfetta.

Per il processo,utilizzai un mix di marchi coreani e americani, (nel libro Cho dice che anche i coreani utilizzano alcuni prodotti di bellezza occidentali, basta che siano efficaci).

Nel processo di ricerca dei giusti prodotti, ne ho scoperti alcuni coreani, che si sono rivelati non solo efficaci, ma anche abbastanza abbordabili e carini.

Devo dire, ero un po’ spaventata all’idea di seguire tutti i dieci passi ogni mattina e sera (che ha tutto quel tempo?). Tuttavia, il libro dice che non serve seguire ogni passo tutti i giorni per ottenere risultati e che la routine deve essere personalizzata in base alle esigenze della propria pelle. Eccoci qui:

 

Fase 1: Struccare

Visto che di solito mi trucco, non ho potuto saltare il primo passo della routine, che sostanzialmente toglie il trucco e residui di crema solare. Per questo compito, i coreani tendono a preferire detergenti oleosi che sono specificamente formulati per emulsionare e ed essere risciacquati facilmente. Questa è la fase in cui la protezione solare, il trucco e tutto lo sporco e la sporcizia che si sono accumulati sulla vostra pelle durante il giorno necessitano di venire fuori, completamente.

Ho usato l’olio detergente e struccante “Elizabeth Dehn for One Love Organics vitamin B” che, come tutti gli oli detergenti coreani, toglie efficacemente il trucco ed i residui della crema solare dalla pelle.

 

Fase 2: Detergere

Anche se la prima pulizia rimuove i prodotti e lo sporco dal tuo volto, potrebbero esserci ancora alcuni residui sulla vostra pelle. La seconda pulizia, che viene eseguita con un detergente a base di acqua, rimuove tutto a fondo. Dopo questa fase, la pelle è pronta ad assorbire qualsiasi trattamento venga applicato successivamente. Per questo mi sono affidata ad uno dei miei preferiti il detergente “Yuli Halcyon” che come detto, deterge delicatamente ma in modo efficace.

 

Fase 3: Esfoliare

Questo è un passaggio non molto comune nel mondo occidentale, ma è molto importante nel regime coreano. L’Esfoliazione rimuove le cellule morte, ne favorisce il rinnovo, e permette ai trattamenti di penetrare meglio nella pelle. Avendo la  pelle molto delicata, mi dedico a questa pratica solo un paio di volte a settimana, utilizzando una polvere esfoliante di “Eminence Organics”.

 

Fase 4: Tonico

Il tonico è un passaggio spesso sottovalutato, ma nella routine coreana è abbastanza importante. Aiuta a riequilibrare il pH della pelle e fornisce ingredienti idratanti che leniscono la pelle dopo una pulizia profonda. Per questo passaggio, ho appena preso il tonico coreano meglio recensito dal web, che contiene sia AHA e BHA. Penso che questo prodotto completi in modo ottimale il processo di pulizia, eliminando l’ultima piccola quantità di prodotto rimasto sulla pelle lasciandola pulita, senza irritarla

 

Fase 5: Essenza

L’essenza è forse la parte più misteriosa della routine coreana. Non è un tonico, ma ci si avvicina molto. Non è una crema idratante, ma idrata allo stesso modo. Di solito è una formulazione leggera che contiene un’alta percentuale di ingredienti attivi e deve essere premuta delicatamente sulla pelle per aumentare l’idratazione e promuovere il rinnovamento della pelle. I marchi americani non hanno ancora colto questa tendenza, quindi ho scelto una essenza coreana (con carciofi!) che ha donato alla mia pelle elasticità e morbidezza.

 

Fase 6: Trattamenti

Fiale, sieri, booster (termine molto in voga nel linguaggio benessere ormai anche in Italia, sta per potenziatore) e formulazioni concentrate che trattano specifici problemi di pelle.

Sono una parte molto importante del regime coreano perché aiutano a prevenire e curare i problemi della pelle. Anche avevo familiarità con sieri e ne avevo usati di vari tipi in passato, non potei fare a meno di predere una di quelle fiale colorate e molto apprezzate in Korea. Tuttavia, questo è uno dei passi che chi non ha particolari problemi di pelle (non io, purtroppo) potrebbe potenzialmente saltare.

 

Fase 7: Maschera

Le sheet mask sono la prima cosa che mi viene in mente quando penso a cura della pelle coreana. Se riuscite ad andare oltre il fatto che vi facciano apparire un po’ spaventose, sono degne di un vera spa experience. Non solo contengono gli attivatori idratanti come l’acido ialuronico, ma contengono anche principi attivi, e tenendo una maschera per almeno 20 minuti, avrete la certezza di dare alla vostra pelle abbastanza tempo per assorbire i benefici. Non a caso, questa fu la mia parte preferita di tutto il regime, soprattutto ne ho tirata fuori una dal frigo  in una calda giornata di sole. Fu davvero come una bevanda rinfrescante per la mia pelle assetata lasciandola così rimpolpata e lenita.

 

Fase 8: Contorno occhi

La crema contorno occhi è abbastanza popolare nel mondo della bellezza occidentale, ma in Corea, è estremamente importanti. Da giovanissimi, i coreani cominciano ad applicarla come parte del loro regime quotidiano per mantenere la pelle delicata del contorno occhi ben idratata, evitando le linee sottili, e le palpebre cadenti.

 

Fase 9: Crema idratante

I coreani sono grandi fan della pelle radiosa e brillante, nota anche come Chok Chok. Amano quel bagliore sano e fresco che deriva dal mantenere la pelle ben idratata in ogni momento. La mia scelta per questo passaggio fu una crema coreana leggera che rese la mia pelle idratata ma non grassa.

 

Fase 10: Protezione solare

Questo è sicuramente il passo più importante di tutta la routine. I raggi UV accelerano  il processo di invecchiamento della pelle, e i coreani diligentemente la proteggono per impedirlo. La stessa cura viene applicata al resto del corpo, come il collo, le orecchie, il petto e le mani. Questo è il motivo principale per cui i coreani di solito anche la pelle molto luminosa. Evitando scottature solari da piccoli, non si sviluppano segni di danni provocati dal sole, come macchie scure e rughe premature. Per questo passaggio utilizzai un filtro solare made in USA con una formula leggera che la mia pelle ben tollerava e che applicai religiosamente ogni mattina.

 

Risultati

Anche se mi stavo già prendendo cura di mia pelle prima di provare il regime coreano, scoprii che la mia pelle sembrava più sana e pulita rispetto a prima. Il primo giorno mi sembrava di non poter più uscire di casa mia, ma dal secondo giorno ci avevo già preso la mano. Ora sono una sheet mask ed essenza convertita, non esco di casa senza la protezione solare. La mia pelle è lungi dal sembrare come quella della donna coreana che incontrai (anni di danni solari non possono essere invertiti), ma sono fiduciosa che lo sforzo supplementare che sto facendo per prendermi cura della mia pelle servirà davvero a proteggerla in futuro e a donarle un po’ di quell’aria Chok Chok.

 

Leggi anche

christmas-pudding
Guide

Come fare Christmas pudding: ricetta originale

In Inghilterra il Christmas pudding è un dolce tipico molto comune. Ecco la ricetta originale per realizzarne uno come la tradizione vuole. Gli Inglesi hanno l’abitudine di servire a tavola durante le festività natalizie un tipico dolce chiamato “Christmas pudding”, l’equivalente del nostro panettone, pandoro o torrone. Si tratta di una ricetta abbastanza semplice da realizzare, ma bisogna avere l’accortezza di lasciare la miscela di ingredienti in “riposo” per una notte, per dare la possibilità alla birra di amalgamarsi bene. Letteralmente “pudding” significa prugna, ma non vi è traccia di tale ingrediente nella ricetta tradizionale. Forse il termine “plum” si Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*