Guida: Differenza tra riso bianco e riso integrale COMMENTA  

Guida: Differenza tra riso bianco e riso integrale COMMENTA  

Il riso bianco può sembrare più attraente nel piatto, tutto bianco immacolato  e spumoso, mentre il riso integrale può sembrare sporco e poco invitante. E ‘anche più veloce da cucinare,e nei ristoranti è scelto di più perchè interferisce meno con i sapori degli altri alimenti serviti con esso. A causa dei volumi di produzione, è anche spesso più conveniente da comprare, ed è più facilmente disponibile nei negozi.

Il riso integrale può avere un sapore terroso, spesso causato dalla buccia interna che rimane attaccata al seme.A molti può non piacere all’inizio, ma nel tempo il gusto più sostanziale del riso integrale rischia di conquistarvi. Il riso integrale in realtà ha un sapore proprio,scelto per questo e non per contorno di altri alimenti.

Sebbene il riso integrale richieda più tempo per la cottura, può essere pre-cotto  a vapore con un rapporto di 250 g di riso a 600 ml d’acqua. O magari il tempo di cottura può essere ridotto utilizzando una pentola a pressione .

A causa dei grassi naturali della buccia interna,il  riso integrale potrà essere conservato per un massimo di sei mesi in un posto buio e fresco.

Il riso integrale può causare disagio per alcuni, soprattutto se non se ne mangiava in precedenza. Questo perché, secondo MedlinePlus, “l’aumento di fibre nella dieta troppo velocemente può portare gas, gonfiore e crampi.”I sintomi possono essere gestiti con il passaggio graduale, prima aggiungere un terzo di riso integrale al riso bianco, poi con metà e metà, infine 1/3  di riso bianco misto all’altro prima di passare all’integrale completamente.


Ma perché si desidera cambiare, se si preferisce il riso bianco?

Ebbene, riso integrale è nutrizionalmente superiore, poichè  non viene molto lavorato e conserva i principali elementi nutritivi . Per produrre il riso bianco, invece il guscio interno, o crusca, viene rimosso, poi il riso viene lucidato con glucosio. Questo processo elimina la vitamina E , tiamina, riboflavina, niacina, vitamina B6, folacina, potassio, magnesio, ferro e altre sostanze nutritive, oltre a circa tre quarti della fibra alimentare.


Alcuni nutrienti sono poi aggiunti  sinteticamente per “fortificare” il riso bianco, ma questi provengono da sostanze chimiche prodotte in laboratorio, aggiungendo così l’onere ambientale della produzione di riso bianco.

Quindi, se siete uno dei milioni di adulti la cui dieta è carente di fibre, se si vuole un prodotto nutrizionalmente superiore, o se siete preoccupati per l’impatto ambientale del cibo che si mangia, provate ad introdurre un po ‘di riso integrale alla vostra dieta .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*