Guida turistica di Pisciotta COMMENTA  

Guida turistica di Pisciotta COMMENTA  

Pisciotta è un comune in Campania, Italia, parte della provincia di Salerno.
Secondo la leggenda, i Troiani, fuggendo il fuoco e la distruzione della loro città, Troia, fondarono Siri. Alcuni degli abitanti, seguendo l’ampia valle del fiume Sinni, fino al lago ed al monte Sirino ( da cui hanno preso il nome) , vicino l’odierna Lagonegro, fondarono la città di Siruci (ora chiamato Seluce ). Da qui , si sono recati al mar Tirreno , sulla spiaggia del Golfo di Policastro. Qui fondarono la colonia di Pixous . Questo evento è mostrato in una rara serie di monete antiche , in caratteri arcaici, con i nomi di Sirinos e Pixoes Inscripted, riferendosi rispettivamente, alle popolazioni delle due città di Siri e Pixou. Il nome ” Pixous ” deriva dalla radice ” PYX “, che deriva dalla parola greca per il bosso (presente nel stemma di Pisciotta municipio). Nel 915 dC , quando la città fu saccheggiata e bruciata dai Saraceni di Agropoli , il nome della città era già cambiato in Policastro. Nel corso degli anni il nome è cambiato molte volte – Pixocta , poi Pissocta , poi Pichotta e infine Piscihotta.

Leggi anche: 10 app che ti permettono di guadagnare soldi

Il nome di Pisciotta si trova nel Catalogus Baronum ( 1144) . L’anno 1464 ha segnato per il paese uno sviluppo molto importante , quando i superstiti di Molpa , in seguito alla distruzione del loro villaggio, si rifugiavano a Piscihotta.

Leggi anche: 10 consigli per far durare più a lungo i vostri vestiti

Fino all’abolizione della feudalità nel 1806, Piscihotta era di proprietà del Caracciolo ( 1270) , i Sanseverino ( 15 ° secolo ) , i Pappacoda (dal 1590) . A partire dal 1996 ( o giù di lì ) Pisciotta divenne ospite per un programma estivo di studio all’estero condotta attraverso SUNY Purchase College.

Leggi anche

babbo natale
Guide

Come sopravvivere al pranzo di Natale

Ecco come fare a sopravvivere al pranzo di Natale, nonostante le domande incalzanti dei parenti e le quantità industriali di cibo.   Manca davvero poco alle festività natalizie e in molti si staranno domandando come sopravvivere al pranzo di Natale. Cibo in quantità industriali, domande impertinenti dei parenti, e bambini che piangono e urlano in ogni angolo della casa. Non temete! Questo articolo vi consiglierà come comportarvi per sottrarvi a queste torture. Per prima cosa cercate di evitare le discussioni private a tavola, cercando di cambiare discorso quando uno dei parenti vi incalzerà con domande inopportune. Inoltre è assolutamente vietato Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*