Guns N’ Roses: Chris Pitman fa causa ad Axl Rose

Musica

Guns N’ Roses: Chris Pitman fa causa ad Axl Rose

Guns N' Roses
Guns N’ Roses: Chris Pitman fa causa ad Axl Rose

L’ex tastierista di Guns N’ Roses ha deciso di fare causa ad Axl Rose: il vocalist gli dovrebbe la somma di 163mila dollari.

Chris Pitman, ex (secondo) tastierista dei Guns N’ Roses pre-reunion ha deciso di trascinare in tribunale il cantante Axl Rose. Secondo Pitman, il vocalist gli deve la somma di 163mila dollari (125mila più gli interessi maturati). Lo riferisce il sito TMZ.

Pitman ha suonato con i Guns N’ Roses dal 1998 fino a inizio del 2016 per poi essere estromesso a causa della Reunion con Slash (chitarra) e Duff McKagan (basso). Secondo il tastierista, Axl Rose avrebbe dovuto pagargli la somma di 125mila dollari entro ottobre del 2012 ma a suo dire non ha visto il becco di un quattrino.

Circa otto mesi fa, il management dei Guns N’ Roses aveva fatto divieto al tastierista di fare qualsiasi riferimento alla reunion della band. La richiesta era arrivata dopo che su Twitter Pitman aveva scritto:

Suoneremo al Coachella 2016.

Nulla di più sbagliato in quanto la band non aveva intenzione di coinvolgerlo nel reunion tour (all’epoca non era chiaro quale sarebbe stata la formazione, se quella di Appetite for Destruction, oppure una che coinvolgesse solo alcuni dei membri originali).

Successivamente il tastierista, evidentemente con il dente avvelenato, aveva definito il “Not in this lifetime tour” come il “Notalgia tour”, salvo poi chiedere scusa ai suoi ex compagni di band raccomandandosi con i follower di non twittare mentre si beve.

Intanto i Guns N‘ Roses proseguono con il loro tour, intervallato solo dagli impegni di Axl (ormai al termine) come vocalist degli AC/DC. A fine ottobre prenderà il via il tour in Sudamerica mentre a gennaio la band suonerà tre date in Giappone per poi, a febbraio spostarsi in Oceania. Non c’è ancora nulla di confermato ma è difficile pensare che la band non organizzi anche un tour europeo. In estate potremmo vederli in Italia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...