Happy Birthaday by Danielle Steel COMMENTA  

Happy Birthaday by Danielle Steel COMMENTA  

 

Chi non conosce Danielle Steel? Classe 1947, scrittrice americana di indubbio successo. E’ la seconda autrice dopo Agatha Christie, ha venduto tra 530 e 800 milioni di copie di libri in tutto il mondo; sono stati tradotti in ben 28 lingue e il successo conta più di 40 Paesi sparsi su tutto il nostro Pianeta.

Leggi anche: 10 verità sulla Bibbia a cui non crederesti mai

La prossima settimana esce per Mondadori la sua ultima novità : Happy Birthday.Bella, elegante e raffinata, Valerie Wyatt non è solo una famosa arredatrice di interni ma anche una vera regina di stile, con uno show in onda tutti i giorni.

Leggi anche: Prezzi biglietti e orari Lucca Comics and Games 2016

E allora perché è così infelice? Forse perché gli abiti costosi, le ore trascorse in palestra e le cure dei migliori parrucchieri di New York non possono nascondere un’innegabile verità: Valerie sta per compiere sessant’anni.

E si sente terribilmente sola. Anche Aprii, sua figlia, si sente sola. Proprietaria di un ristorante alla moda,
che assorbe tutte le sue energie, non ha tempo da dedicare agli amici o all’amore.

L'articolo prosegue subito dopo

Si ritrova così, alla vigilia del suo trentesimo compleanno, a fare
un bilancio della vita troppo solitaria che conduce e a porsi l’unica domanda a cui non sa dare una risposta: dove ho sbagliato? Ma,all’improvviso, una tragedia sconvolge le giornate di Valerie e Aprii, costringendole a fare i conti con gli errori del passato e con due uomini molto speciali. E insegnando loro che, a volte, basta soffiare sulle candeline ed esprimere il desiderio giusto perché tutti i sogni si realizzino. Anche quelli più inaspettati. Dalla penna di Danielle Steel, una storia dolce e amara sul potere che ha la vita di regalarci sempre sorprese meravigliose.

Leggi anche

babbo-natale
Cultura

Babbo Natale esiste o no

Ci sono ancora bambini che credono a Babbo Natale e attendono con ansia di ricevere i suoi doni a Natale. Ma quanto c'è di reale in questo personaggio? La maggior parte dei genitori si sente rivolgere la fatidica domanda “Babbo Natale esiste o no?” dai propri figli appena riescono a percepire la realtà distinguendola dalla fantasia. Per alcuni questo momento arriva presto (fra i 3 e i 9 anni), per altri si prolunga un po’. Una cosa è certa: nell’immaginario collettivo dei più piccoli il personaggio di Babbo Natale ha persino soppiantato Gesù Bambino. Per i bimbi in tenera età Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*