Helsinki, città sempre meno inquinata. Le nuove misure anti-smog

Helsinki, città sempre meno inquinata. Le nuove misure anti-smog

Viaggi

Helsinki, città sempre meno inquinata. Le nuove misure anti-smog

Helsinki
Palazzo del Senato

Helsinki, la capitale della Finlandia, è riuscita a dimezzare lo smog. In pratica: nelle strade circoleranno solamente 4 vetture su 100

Gli abitanti della città finlandese di Helsinki sono molto orgogliosi della loro metropoli e poi cercano in tutti i modi di fare tanto per tenerla pulita e in ordine. In questa città sorge l’area metropolitana più pulita dell’intero continente europeo. E questo grazie ai numerosi sforzi fatti nel corso degli anni per limitare in maniera considerevole le emissioni da industrie e veicoli. Helsinki è senza ombra di dubbio la città ideale in cui trascorrere una vacanza di salute e benessere.
Secondo dei recenti studi dell’Itf (Ocse) per quanto concerne la mobilità condivisa, sperimentazione fatta a Helsinki e a Lisbona, è necessario limitare il traffico ed avere più spazio nelle strade. I favorevoli a questa innovativa sperimentazione sono i 55enni e i pendolari.
Helsinki

La Helsinki del futuro

Il recente studio sulla metropoli del futuro ha evidenziato quali debbano per forza di cose essere le caratteristiche della città del futuro. Sono necessari dei maggiori spostamenti e più parcheggi, e poi traffico azzerato (o quasi) e molto meno inquinamento atmosferico.

Questi sono i risultati della ricerca condotta dall’Itf (Ocse). Quest’ultimo ente è il braccio “trasporti” dell’Ocse, apposito forum che serve per mettere in luce dei nuovi specifici scenari di mobilità.
Helsinki

Alcuni dati su Helsinki raffrontati ad altre città europee

Le scelte a tutela dell’ambiente operate da Helsinki, non devono per forza di cose essere lette come lontane da città come Roma o Milano, che sono letteralmente prese d’assalto da una miriade di vetture e assillate dal problema dell’inquinamento atmosferico. In tali metropoli il traffico è decisamente difficile da gestire. I dati che emergono non sono molto distanti tra loro, nella metropoli di Helsinki esistono quasi 6mila fermate dei mezzi del trasporto pubblico, mentre a Roma ne esistono all’incirca 8mila e cinquecento. La superficie di Helsinki è di 750 chilometri quadrati (per 1,1 milioni di residenti) contro i mille e duecento chilometri quadrati di Roma (con 4 milioni di residenti). Quest’ultimo spazio batte di tanto l’intera superficie della metropoli francese di Parigi.

Altri dati sugli studi effettuati dall’Itf

L’ente dell’Ocse ha diramato i dati delle analisi sul traffico effettuate nella Capitale portoghese, lo scenario che emerge è interessante: il mix di movimenti nella metropoli è costituito dal 50% da vetture e per il 20% da bus.

L’Itf ha poi cercato di fare una rilevazione dei dati anche in altre città del Nord Europa e prossimamente in futuro al resto del pianeta. Nella metropoli finlandese questo mix è del 41% per le vetture e del 15% per i bus.
Helsinki

Alcune prime conclusioni sulle ricerche effettuate

I primi risultati che ne escono fuori sono davvero molto interessanti: nella simulazione il 100% degli spostamenti su strada (effettuati mediante taxi, auto e bus) sono stati sostituiti da taxi e taxi-bus con delle configurazioni diverse. E questo per quanto concerne i posti a sedere (da 6 a 20 passeggeri), i viaggiatori erano diretti alla rete dei collegamenti pubblici (metropolitana e autobus). In pratica: si è stabilito che i taxi “classici” prelevino i passeggeri nelle vicinanze della propria abitazione oppure sul posto di lavoro. Tutto questo per portarli da una parte all’altra della metropoli. E poi dei mini autobus leggermente più grandi con specifico servizio “on demand”.

Per usufruire di questi ultimi bisogna prenotarsi almeno 30 minuti prima del passaggio. Le fermate per la salita dei passeggeri sono situate fino a qualche centinaia di metri da casa o dal lavoro.
Helsinki

I risultati delle ricerche effettuate ad Helsinki

Operando nella maniera descritta in precedenza, l’utilizzo delle autovetture private è stato quasi del tutto azzerato. Nella Capitale finlandese è stato sufficiente cambiare le modalità di spostamento delle persone per riuscire ad abbassare di molto il fabbisogno di vetture che servono per gli spostamenti. Si è arrivati ad un 4% rispetto alle attuali necessità: da mezzo milione di vetture private per tutti i relativi bisogni di spostamento condivisi e integrati si è arrivati alla conclusione che sono sufficienti appena 20mila vetture. È qualcosa di veramente incredibile, agendo in tale modo l’inquinamento è stato abbattuto di quasi un terzo. Però bisogna anche evidenziare che Helsinki ha una ottima rete di trasporto pubblico. E poi la scomparsa del traffico e delle vetture private ha portato a liberare tanto spazio in città.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche