Hiv: nel 2030 si conta di debellare definitivamente la malattia COMMENTA  

Hiv: nel 2030 si conta di debellare definitivamente la malattia COMMENTA  

Doveva essere la peste del secolo, invece, stando alle ultime statistiche il virus dell’Hiv avrebbe subito una drastica riduzione del 42% dal 2004, quando raggiunse il picco massimo di diffusione, ad oggi, mentre il numero di individui infetti è calato del 35% rispetto al 2009. 

Queste sono le stime diffuse da Unaids proprio in occasione della giornata mondiale della lotta contro l’Aids.

L’Unaids per l’occasione ha voluto rilanciare il piano quinquennale che dovrebbe portare a debellare del tutto il virus nel mondo entro il 2030. 

Secondo gli esperti delle Nazioni unite, appena cinque anni erano circa 7,5 milioni l quantità di persone malate che potevano accedere alle terapie antiretrovirali, un numero che è quasi raddoppiato negli ultimi anni arrivando ai 15,8 milioni di oggi, mentre addirittura nel 2002 erano soltanto 2,2 milioni.

“I progressi fatti negli ultimi 15 anni sono stati straordinari – ha affermato Michel Sidibé, direttore esecutivo di Unaids -. Oggi abbiamo ottenuto un livello di prevenzione mai raggiunto prima, e ogni cinque anni vediamo raddoppiare il numero delle persone sottoposte a cure salvavita.

Tutti hanno il diritto di vivere una vita lunga e sana, dobbiamo fornire la massima assistenza alle persone più sofferenti’.

Nonostante tutte le campagne di informazione diffuse in ottica prevenzione, la quantità di persone ancora infette in Italia, rimane rilevante.

L'articolo prosegue subito dopo

Secondo una recente statistica sarebbero circa 3 mila le persone infette dall’Hiv solo  nell’ultimo anno mentre si stima che in tutto il mondo, la quantità di persone infette sia nell’ordine dei 36,9 milioni di individui. 

Sono ancora tanti i passi da fare per il vaccino anti Hiv. Un team di scienziati inglesi del Royal Holloway, University of London e dell’Imperial College di Londra sta sperimentando un vaccino utilizzando lo stesso approccio già adoperato nella ricerca del vaccino anti Ebola e anti Malaria. George Dickson, l’autore della ricerca, in una intervista ha fatto il punto della situazione: ‘La scoperta di un vaccino efficace contro l’Hiv è una delle sfide più grandi della ricerca medica.  Il nostro studio fornisce un contributo di conoscenza sulla natura della risposta immunitaria richiesta per un vaccino efficace contro l’Aids’.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*