Fini Il Re senza castello COMMENTA  

Fini Il Re senza castello COMMENTA  

ROMA - Gianfranco Fini e’ l’uomo politico solitario dalle promesse mancate, il re senza castello e senza cavalieri al suo seguito. L'annuncio delle dimissioni in diretta, alzandosi in piedi contro l’allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, e la vicenda della casa di Montecarlo sono solo dei piccoli dettagli, del lungo percorso politico pieno di contraddizioni e mancanze di Fini. La tenacia,dobbiamo riconoscerlo è tanta, soprattutto quella di non abbandonare la poltrona su cui è seduto alla Camera. Il re delle promesse mancate, dei volta gabbana, dei cambi di schieramento, ideologia e di regine.
Gianfranco Fini è il re in assoluto della rappresentazione politica italiana. Ha distrutto il partito di Alleanza Nazionale, creato Futuro e Libertà dichiarando pubblicamente il 28 febbraio 2011: “ Se Futuro e Libertà fallisce lascio la politica”. e nonostante i sondaggi lo danno all’1%, sorpassato dalla Destra di Storace, nonostante la sua ammissione di fallimento: “Abbiamo dimostrato la nostra marginalità e in certi casi ininfluenza",e senza dimenticare la promessa fatta a Michele Santoro. “Io sono pronto a dimettermi nello stesso momento in cui lo farà Berlusconi” è ancora lì.

Lo vediamo ancora, quando lo vediamo, seduto sulla poltrona, ancora più illegittima dei suoi amati colleghi del Governo Tecnico, che gli permettono ancora di sedere. Il resto del tempo lo trascorre cercando casa, bussando alla porta del Pdl, dopo la lunga guerra, gli attacchi e i grandi tradimenti per chiedere permesso di domicilio e aprire a sua detta una pagina nuova per tutti i moderati italiani. Il figliol prodigo sfortunatamente ha ricevuto la porta in faccia dall’ex Guardasigilli Angelino Alfano e ha dichiarato che era un favore che avrebbe fatto agli italiani la sua candidatura a premier dei moderati, considerando la mancanza di quid di Alfano nel non capirlo, ma in realtà sta accadendo ciò che preannunciò Silvio Berlusconi quando gli rispose ai suoi attacchi pubblici. “Vorresti essere me?” Senza casa, senza alleati, senza cavalieri e regine, rischia di rimanere fuori dai giochi politici e dalla scena danzante, ma ecco apparirgli all’orizzonte una luce ad illuminargli la sua nuova strada verso la casa, con le stesse comode poltrone, la Lista Italia con gli irriducibili tre, Casini, Montezemolo e Monti.

Ai microfoni di Radio Anch'io, Fini ha dichiarato: "Da grande farò quello che decideranno gli elettori: ma sto lavorando per rendere possibile la nascita di una Lista per l’Italia.

L'articolo prosegue subito dopo

Credo che non si debba archiviare l’esperienza di Monti e speriamo di rappresentare nella competizione politica una seria alternativa per coloro che non vogliono votare a sinistra e che non si fidano del Pdl". E riguardo a Montezemolo ha aggiunto: "Esiste una significativa convergenza, bisognerà aspettare di sentire le sue parole, ma sono convinto condivida e converga sulla necessità per il Paese di portare avanti con un governo politico l’agenda Monti e non fare a meno di una personalità come Mario Monti". Il puer, in attesa di decidere cosa fare da grande, non promette nulla questa volta, forse è troppo impegnato a unire gli irriducibili tre, Monti,Casini,e Montezemolo, nella luce dell’orizzonte di Lista Italia, per una nuova pagina drammatica di politica italiana.

Leggi anche

About Simona Pagliarini 62 Articoli
Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda. (Horacio Verbitsky) Simona, laurea in Psicologia presso l'Università di Roma La Sapienza Giornalista-pubblicista di politica interna, estera e cronaca, scrittrice Amo l'amore, scrivere, il mare, la neve e la vita
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*