Per la sicurezza di Roma vota al Comune Leo Maria Galati COMMENTA  

Per la sicurezza di Roma vota al Comune Leo Maria Galati COMMENTA  

PROPOSTA DI LEGGE

PER IL COMUNE DI ROMA

 

“Misure di sicurezza nei Municipi”

 

Il problema della sicurezza è sempre più sentito dai cittadini. I fatti di cronaca riportano l’importanza di avere la possibilità di SOLLECITARE le Forze dell’Ordine nell’immediato pericolo sia esso di natura lesiva che accidentale.


 

L’aumento dei reati contro le persone fisiche, soprattutto le donne, è dovuto al disagio attuale. Un disagio che può essere riscontrato sia nella crisi economica, che nell’esasperazione dei valori e nella mancanza di rispetto alla vita.


Ormai i casi di aggressione sono quotidiani proprio perché “l’aggressore” non si sente in pericolo come se sapesse che l’intervento esterno arrivi tardi quando ormaii è tutto finito e la “preda” prescelta  abbia subito il suo disegno di violenza.


Ecco che emerge l’importanza di far sentire il “nemico” braccato, dargli la sensazione che non può fuggire perché sarà catturato prima che riesca a terminare la sua azione.

L'articolo prosegue subito dopo


 

Un ‘analisi accurata riporta alla luce che le aggressioni avvengono per:

  1. Allentamento del livello di attenzione
  2. Evento inaspettato
  3. Impossibilità di essere soccorsi

E’ possibile realizzare interventi che possono ridurre questi rischi ?

 

Lo schema di proposta di legge ha una sua ratio basata su uno studio di misure atte a prevenire  e diminuire drasticamente il senso di certezza dell’aggressore, una “minaccia”  che incombe  su di lui in ogni angolo perché  c’è sempre la possibilità per l’aggredito di dare l’allarme.

Ogni Municipio sarà quindi garantito da postazioni fisse installate nei punti più sensibili del territorio  con un vigilante munito di telefono pronto a comunicare alla Centrale di Polizia o Caserma dei Carabinieri l’evento dannoso.

Art. 1  In ogni Municipio sarà  presente una postazione di Sicurezza all’interno della quale  sarà impiegato 1 vigilante armato e munito di  telefono.

Art. 2  la postazione di sicurezza  sarà  installata nei punti cruciali del territorio individuati dai cittadini di concerto con le esigenze di pubblica sicurezza del territorio

Art. 3  la postazione di sicurezza funziona H24 con impiego turnante scelto per  competenza  tra personale della Polizia, Carabinieri e Vigilanti certificati

Art 4  I vigilanti sono forniti del  “telefono di allarme” da usare ogni qualvolta ravvisino un pericolo o siano allertati dal cittadino

Art 5 il telefono avrà un numero dedicato diretto gratuito raggiungibile sia dai cellulari che dalla rete fissa

Art 6  il telefono è abilitato a ricevere e registrare le telefonate in arrivo per le emergenze ed è abilitato alla chiamata diretta con il 118 e le Centrali operative del Municipio

Art 7 il Vigilante è armato per difesa propria e del cittadino

PROPONENTI

Leo Maria Galati

Giuseppina Gasparri

Leggi anche

About Simona Pagliarini 62 Articoli
Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda. (Horacio Verbitsky) Simona, laurea in Psicologia presso l'Università di Roma La Sapienza Giornalista-pubblicista di politica interna, estera e cronaca, scrittrice Amo l'amore, scrivere, il mare, la neve e la vita
Contact: Google+

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*